Calciomercato, da Allegri a Conte | L’estate bollente delle panchine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:03
Allegri sulla panchina della Roma
Massimiliano Allegri © Getty Images

Mentre sta per chiudere la sessione invernale di mercato, le big sono già proiettate al futuro: da Allegri a Conte, si preannuncia un’estate bollente per le panchine

La calma del calciomercato di gennaio potrebbe essere il preludio ad un’estate bollente. Le compagini di Serie A fanno i conti (anche loro) con la crisi economica, ma lo show deve andare avanti e a comandare come sempre sono anche i risultati. Lo sanno bene gli allenatori in generale, sempre inseguiti dallo spettro esonero. Nei prossimi mesi il fantasma del cambio in panchina accompagnerà anche i big del nostro campionato. Dalla Roma al Napoli, dall’Inter alla Juventus, Conte, Fonseca, Allegri, Gattuso, Pirlo, gli intrecci in panchina incendieranno il calciomercato estivo. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, dalla Spagna: Juventus preoccupata su Pirlo, sogno in panchina

Gattuso panchine traballanti
Gattuso © Getty Images)

Fonseca e Gattuso, Roma e Napoli: l’ipotesi del cambio in corsa

Le situazioni più ingarbugliate, per motivi diversi, riguardano Roma e Napoli. Nonostante il terzo posto in classifica, Paulo Fonseca è tutt’altro che saldo sulla panchina giallorossa e, probabilmente, se non ci fosse stato il gol di Pellegrini in pieno recupero contro lo Spezia, ora parleremmo di esonero già arrivato. Il portoghese, invece, per il momento si è salvato, ma le possibilità di vederlo sulla panchina dei capitolini anche il prossimo anno sono sempre di meno. Anche perché la società ha già individuato il sostituto: come raccontato da Calciomercato.it, Massimiliano Allegri si è promesso alla Roma, con una bozza di accordo per contratto con ingaggio da 5 milioni. Il tecnico toscano ha anche rifiutato la corte del Chelsea e gli interessamenti del Napoli.

Già il Napoli. Rino Gattuso ha incassato ieri la fiducia pubblica del presidente Aurelio De Laurentiis, ma intanto il contratto con il rinnovo giace in un cassetto che difficilmente sarà aperto. Anche in questo caso il rapporto Gattuso-Napoli dovrebbe arrivare a fine stagione, salvo il campo non convinca ad anticipare la separazione. Per la sostituzione si pensa al ritorno di Benitez, che preferirebbe la Premier League, come raccontato dalla nostra redazione, o quelli altrettanto suggestivi di Sarri e Mazzarri. Ipotesi soltanto al momento, con De Laurentiis che vaglia anche soluzioni più ‘giovani’ come Juric e De Zerbi per un ciclo che, soprattutto senza Champions, partirebbe con inevitabili cessioni importanti.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, Fonseca rifiuta la proposta di Dzeko

Antonio Conte
Antonio Conte © Getty Images

Calciomercato Inter e Juventus, per Conte e Pirlo parlano risultati e… ingaggio

Per due situazioni che, per quanto complesse, sembrano delineate almeno in ottica prossima stagione, due realtà che sono tutte in via di definizione. Sono Inter e Juventus che affidano soprattutto ai risultati il futuro delle panchine di Conte e Pirlo. Il tecnico salentino e la società nerazzurra sono legate da un ingaggio faraonico (12 milioni l’anno) che, anche in caso di mancato scudetto, potrebbe ‘spingere’ per la riconferma. Molto dipenderà anche da come evolverà la questione societaria con la trattativa per l’ingresso di BC Partners nel club. Per la sostituzione il nome più gettonato in passato è stato quello di Allegri, ora proiettato verso la Roma.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Conte nervoso con la società | Le ultime

Niente problema ingaggio per Pirlo e la Juventus: la società bianconera ha appoggiato il tecnico nel momento di difficoltà il proprio allenatore ed ora spera di incassare i risultati. Senza scudetto o Champions, potrebbe però esserci l’addio. A quel punto il nome ‘caldo’ diventerebbe quello di Zinedine Zidane, in procinto di chiudere la sua seconda esperienza al Real Madrid. Verso la conferma, invece, Pioli che si gode il primo posto in classifica e la stima dell’ambiente. Come Inzaghi che è pronto a firmare il rinnovo di contratto con la Lazio. Due (quasi) certezze in mesi che si preannunciano con panchine bollenti.