Inter, Moratti: “Conte non è come Mourinho” | Poi l’annuncio sul ritorno in società

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:34
Inter, Moratti e l'annuncio sul ritorno in società
Moratti (getty images)

Massimo Moratti ha parlato della possibilità di un suo ritorno in società e del paragone tra Conte e Mourinho. Ecco le sue dichiarazioni

Massimo Moratti si è soffermato sul momento dell’Inter, tra campo e dirigenza ai microfoni di ‘TuttoSport’. L’ex patron inizia commentando la prestazione di domenica: “Vittoria contro la Juventus? Sinceramente è una bella sensazione. E’ una squadra che dà l’idea di esserci e si possa puntare a qualcosa di importante quest’anno. Il gap con la Juventus è inferiore anche per merito dell’Inter che sta giocando bene. Inoltre ritengo che quella del gap sia un po’ una tattica di Conte per far concentrare i giocatori. Lui come Mourinho? No, per Mourinho eravamo sempre i più forti, non mi parlava mai degli altri”.

Il pensiero di Moratti sullo scudetto: “L’Inter può sempre permettersi di pronunciare quella parola, perché non siamo il Sassuolo. Poi uno sta attento per scaramanzia. Vidal? Il gol sembra gli abbia fatto molto bene. Poi i contenti sembravano molto contenti lui abbia segnato, quindi c’è un buon clima in squadra. E’ mai stato vicino a prenderlo? No, non mi sembra”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE.

LEGGI ANCHE >>> CMIT | Calciomercato Inter, regalo a Conte: scambio e nuovo bomber

Inter, l’annuncio di Moratti sulla possibilità di riprendere l’Inter

Inter, Moratti e l'annuncio sul ritorno in società
Moratti (getty images)

Moratti parla del possibile stravolgimento societario: “Sulla trattativa tra Suning e BC Partners? Sinceramente non so assolutamente nulla di come stia andando avanti la cosa. Ho letto che cercano finanziamenti e un socio di minoranza, ma anche altro. Sono problemi loro, ma è importante che dicano qualcosa e facciano capire cosa stia accadendo. Ormai dobbiamo abituarci all’ingresso dei fondi nelle società”.

Poi l’annuncio: “Pensa di riprendere l’Inter? No, certi club hanno dimensioni che non sono consentiti a una persona. Suning vuole cambiare logo? Una volta eravamo in Austria, c’era scritto sul tabellone “Inter Milan”. Chiesi di togliere Milan dal nome e lo tolsero. Questo perché l’Inter è conosciuta perché è l’Inter, non c’è bisogno di un’aggiunta di quel tipo”.