Sampdoria-Udinese, Gotti annuncia: “Mi confronterò con la società”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:16
Sampdoria-Udinese, Gotti ha parlato dopo la sconfitta di questa sera
Gotti (Screenshot Tv)

Luca Gotti ha parlato dopo la sconfitta di questa sera contro la Sampdoria. Di seguito le dichiarazioni del tecnico dell’Udinese

Luca Gotti analizza le fasi cruciali della partita ai microfoni di ‘DAZN’: “Penso che per un settantina di minuti l’Udinese abbia fatto una buona partita, raccogliendo meno di quello che poteva. Fino al rigore, abbiamo giocato con una certa personalità. Poi ci siamo abbassati. Non mi è piaciuto il quarto d’ora dopo l’1-1. Lì è subentrata la paura e abbiamo concesso fino al gol di Torregrossa. Pochi cambi? Può essere. Ora riflettevo come avrei potuto gestire la partita dopo il pareggio, ma non mi è sembrato di trovare grandi soluzioni per cambiare la partita”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Sampdoria-Udinese 2-1: de Paul illude, poi rimonta. Decisivo Torregrossa

Sampdoria-Udinese, l’analisi di Gotti nel post-partita

Sampdoria-Udinese, Gotti ha parlato dopo la sconfitta di questa sera
Gotti (getty images)

Possibile soluzione tattica per l’allenatore bianconero: “Invertire Pereyra-de Paul? E’ una possibile soluzione. Tendo a spostare poco de Paul, perché voglio prendere tutto ciò che riesce a dare. Pereyra ha fatto benissimo per lunghi tratti, ricevendo palla tra le linee. Abbiamo una brutta classifica, venivamo da una partita persa al 90esimo. La partita è stata giocata con personalità, dopo il rigore abbiamo visto i fantasmi da tutte le parti“.

Luca Gotti commenta la sua situazione e il possibile intervento sul calciomercato in attacco: “Siamo senza parecchi dei nostri giocatori. Alcuni, come Pussetto, non torneranno più. Abbiamo bisogno dei gol. In quei 60-70 minuti, potevamo concretizzare di più. Confronti con la società nelle prossime ore? Di sicuro, ci metteremo a discutere e ci saranno le dovute valutazioni come ad ogni partita. A maggior ragione in una situazione di classifica così complicata come è diventata oggi”.