Juventus, Bentancur non ha dubbi | Le parole su Pirlo e lo scudetto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:34
Bentancur (@Getty Images)

Arrivano le parole di Rodrigo Bentancur: il centrocampista della Juventus ha parlato di Pirlo, della Fiorentina e del 2021

Rodrigo Bentancur è un centrocampista fondamentale per gli schemi della nuova Juventus di Andrea Pirlo. Il centrocampista uruguagio, ai microfoni di ‘Sky Sport‘, si è soffermato proprio sull’allenatore bianconero, oltre che sulla stagione che sta vivendo la sua squadra. L’ex Boca è tornato anche sulla sconfitta contro la Fiorentina: “E’ stata una partita che non abbiamo affrontato con la giusta mentalità, a differenza delle altre. Ma è una sfida passata, dobbiamo pensare al 2021 e iniziare con una grande vittoria”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Juventus, Bentancur: “Un onore avere Pirlo come allenatore”

PIRLO ANDREA calciomercato juventus reynolds
Andrea Pirlo (Getty Images)

Bentancur ha poi parlato di Andrea Pirlo e del fatto che sia diventato l’allenatore della Juve: “Dà una grandissima mano a noi centrocampisti, è un onore averlo in panchina. Sta facendo un gran lavoro per portarci dei miglioramenti, poi guardarlo in panchina è un plus in più. Mancano tante parte e sappiamo di dover migliorare ancora, ma dobbiamo cominciare da lui”. Inevitabile poi soffermarsi sullo scudetto: “Bisogna sempre pensare a vincere la partita successiva, questa è la mentalità per vincere tutto. Prima che arrivassi, è già capitato che la Juve fosse sotto di dieci punti e poi vincesse lo scudetto. Inoltre, ci sono ancora gli scontri diretti da giocare”.

LEGGI ANCHE >>> CMIT TV | Mercato sotto l’albero: SEGUI la DIRETTA

Chiusura sull’Udinese e sulle prospettive del 2021: “Se giochiamo con la mentalità giusta, vinciamo tutte le partite per arrivare allo scudetto. L’Udinese ha giocatori fortissimi. Nuovo anno? Dobbiamo vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, non sai mai cosa può succedere -ha proseguito Bentancur-, pochi giorni fa mio cugino è morto in Argentina, aveva la mia stessa età. Speriamo passi in fretta questo virus e che i tifosi possano tornare allo stadio”.