Inter, l’ex tuona contro i nerazzurri: “Era incredibile” | Cosa è cambiato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:45
Marotta Zhang Inter (getty images)
Marotta Zhang (getty images)

Un ex Inter è tornato a parlare in termini decisamente poco lusinghieri della società nerazzurra. Analizziamo cosa è cambiato

Frank de Boer torna a commentare la fallimentare esperienza all’Inter e lo fa nuovamente in termini decisamente negativi. L’allenatore, infatti, intervistato da ‘ad.nl’ ha espresso in maniera piuttosto chiara quanto, a suo avviso, fosse confusionaria la situazione quando è stato ingaggiato dai nerazzurri. Di seguito uno stralcio delle sue dichiarazioni: “L’Inter era come un vespaio incredibile. Credo nessun allenatore sarebbe riuscito a fare bene e dopo di me altri ci hanno provato. Avrei dovuto fare alcune cose diversamente, ma l’intera dinamica intorno al club era difficile”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter e Juventus, De Paul incontra Raiola | I dettagli

Inter, dai tempi di de Boer a Conte: rivoluzione totale

De Boer (getty images)
De Boer (getty images)

Nel 2016/17, la nuova dirigenza si era appena insediata e il mercato, pur portando a Milano calciatori di rilievo, si è rivelato fallimentare e non conferme alle esigenze dell’allenatore. L’incertezza, tra l’addio a Mancini e l’arrivo tardivo di de Boer ad agosto inoltrato, l’ha fatta da padrona: i risultati sul campo ne sono stati diretta conseguenza, anche se il tecnico olandese ha comunque le sue responsabilità.

Ora i milanesi sembrano aver trovato una stabilità decisamente migliore rispetto a quei tempi, a partire dalla società e con l’arrivo di Giuseppe Marotta. La gestione del caso Conte in estate, terminata con la conferma del tecnico nonostante le grandi polemiche, e il cambio di passo nella gestione del calciomercato sembrano aver dato una struttura completamente diversa all’Inter di Suning. Si pensi ad esempio alle operazioni Vidal, Hakimi e Darmian, mirate alle esigenze tecnico-tattiche del tecnico. Un nuovo corso che dovrà essere sugellato dai successi sul campo, ma che parte da tutt’altre premesse.