Calciomercato Roma, dall’esterno al portiere | Ecco cosa serve a Fonseca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:05
paulo fonseca calciomercato roma
Paulo Fonseca (Getty Images)

Il calciomercato di gennaio è alle porte: la Roma sarà impegnata soprattutto in cessioni, ma qualcosa potrebbe succedere sia in porta che sulla fascia destra. Analizziamo tutte le operazioni giallorosse ruolo per ruolo

La Roma ha chiuso il 2020 da terza in classifica, a -7 dalla vetta ma soprattutto sopra Juventus e Napoli che ad ora sono le concorrenti più accreditate per la Champions League. Paulo Fonseca ha chiuso l’anno con qualche brivido per il solito calo della sua squadra, ma la classifica senza dubbio gli sorride. Alla ripresa con la Sampdoria sarà aperto anche il calciomercato di gennaio, con i giallorossi che si muoveranno soprattutto con cessioni e operazioni ‘minori’, anche se in caso di uscite importanti si dovrà operare prontamente con dei nuovi innesti.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Calciomercato Roma, nodo Pau Lopez. Fuzato può tornare, piacciono Silvestri e Sirigu

Cominciando dalla porta, in queste settimane Mirante, che dovrebbe rinnovare, e Pau Lopez si sono alternati: lo spagnolo è scivolato al ruolo di secondo e ha sostituito l’estremo difensore campano alle prese con qualche problema fisico. La Roma non ha particolari garanzie dai suoi estremi difensori, tecniche o fisiche, per questo non si chiuderanno le porte alla cessione di Pau Lopez. Il problema è di natura economica, dal momento che l’ex Betis è a bilancio per 22 milioni e difficilmente qualcuno sarebbe disposto a spendere quella cifra. Per questo si proverà a piazzarlo e – in caso – a sostituirlo (piacciono molto Sirigu e Silvestri), altrimenti si resterà così.

pau lopez calciomercato roma portieri
Pau Lopez (Getty Images)

Potrebbe rientrare invece Daniel Fuzato, giovane brasiliano su cui la Roma punta moltissimo ma che ha 0 presenze col Gil Vicente. Il classe ’97, che invece viene convocato in nazionale maggiore, va verso il rientro dal prestito e potrebbe restare come secondo o terzo. Anche se su di lui c’è anche molto interesse in Serie B. Piccola postilla su Olsen, attualmente in prestito all’Everton di Ancelotti: i Toffees potrebbero riscattarlo, ma in caso contrario la Roma deve mettere in conto di potersi ritrovare anche lui in estate.

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Napoli, Condò: “Classifica sacra. Roma da punire diversamente”

Calciomercato Roma, con Tiago Pinto sprint Pellegrini. Diawara in uscita

In difesa non si toccherà niente, numericamente il reparto è a posto e un innesto potrebbe arrivare solo se andrà via qualcuno. I principali indiziati restano Fazio e Jesus, che già erano stati molto vicini all’addio in estate. A centrocampo resta il nodo rinnovo per Lorenzo Pellegrini: il contratto è in scadenza a giugno 2022, in quest’anno non si è mai arrivati a un incontro ufficiale tra le parti o a una trattativa vera e propria. Ci sono stati dei colloqui informali, in cui la società ha manifestato la volontà di puntare su di lui e blindarlo (c’è sempre la clausola da 30 milioni). Si attenderà in questo senso l’insediamento del nuovo general manager Tiago Pinto – che attualmente è bloccato dal Covid -, con cui potrà arrivare lo sprint. La Roma sa che in ogni caso deve fare in fretta, anche perché l’Inter è sempre vigile.

lorenzo pellegrini calciomercato roma
Lorenzo Pellegrini (Getty Images)

Con le quotazioni di Villar in grandissima crescita (lo spagnolo ha scalato le gerarchie ed è spesso titolare), in uscita c’è Amadou Diawara. Il guineano non ha convinto, Fonseca lo ha messo in fondo alle sue scelte e in passato c’è stata anche qualche schermaglia con l’agente. I giallorossi se ne priveranno senza grandi problemi davanti a un’offerta consona (circa 18 milioni): per lui la pista più calda resta la Premier League. Veretout piace sempre al Napoli e non solo, ma per i capitolini è assolutamente incedibile.

Calciomercato Roma, testa a testa con la Juventus per Reynolds. Offerta per Soppy

Discorso a parte merita la fascia destra. Ieri Karsdorp, in estate a un passo dall’Atalanta, ha dimostrato di essere in grande crescita e la Roma punterà ancora su di lui, anche per proteggere il grande investimento di due anni fa. Alle sue spalle, Bruno Peres ha offerto prestazioni altalentanti: dopo il cambio di agente e lo sbarco nella CT10 di Francesco Totti di cui per primi vi abbiamo parlato, i giallorossi proveranno a piazzarlo. Il brasiliano è in scadenza 2021 e vorrebbe rinnovare, ma la Roma sta cercando una soluzione in uscita e non si è registrato nessun incontro per il prolungamento. Per l’ex Toro diverse piste: dal Benfica alla Russia passando per la Turchia e la stessa Serie A. In entrata la pista calda porta a Bryan Reynolds del Dallas FC: sul giovane terzino americano, però, è fortissima la concorrenza della Juventus.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, vice Morata | Nuovo nome in Serie A

brandon soppy calciomercato roma
Brandon Soppy (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Juventus, la bomba di Sconcerti: “Ronaldo irritato. Colpa di un compagno”

Come vi abbiamo raccontato in queste ore, i bianconeri hanno piazzato il sorpasso nella notte andando molto vicini all’accordo con il giocatore, oltre che con il club texano. Il classe 2001 arriverebbe alla Juve, ma girato subito in prestito al Cagliari, vista la mancanza di slot da extracomunitario. Il testa a testa continua, con i Friedkin che sono scesi in campo in prima persona per portare Reynolds a Trigoria. Tiago Pinto, che dal 1 gennaio 2021 saluterà il Benfica e si occuperà del mercato della Roma, si sta guardando intorno. Oltre a Frimpong del Celtic, l’altro nome è quello di Brandon Soppy del Rennes, con cui c’è in ballo anche il cartellino di Nzonzi. Per il giovane classe 2002, secondo indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it i giallorossi hanno già presentato un’offerta concreta. La sua valutazione si aggira sugli 8 milioni di euro, molto meno dei 15 circolati negli ultimi giorni.

pedro mkhitaryan calciomercato roma
Pedro e Mkhitaryan (Getty Images)

Sulla sinistra la Roma, che dovrà gestire anche Europa League (a febbraio i sedicesimi col Braga) e Coppa Italia (a gennaio gli ottavi con lo Spezia), dovrebbe restare con Spinazzola e Calafiori. In attacco Pedro e Mkhitaryan sono chiaramente intoccabili, anche se con un calendario così fitto rischiano di essere spremuti. Fonseca solo ieri ha glissato sull’argomento, ma senza escludere possibili rinforzi in quel reparto. Carles Perez non ha convinto fino in fondo, ma senza cessioni non dorebbe arrivare nessuno. E in quella posizione possono giocare anche Pellegrini e Villar, senza contare che poi rientrerà anche Zaniolo. Per questo il ‘Papu’ Gomez ad oggi è più una suggestione e un sogno che un’idea concreta. Dzeko e Borja Mayoral resteranno le due punte.