Atalanta-Roma, Gasperini: “Basta parlare di Gomez”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:46
Gasperini (@Getty Images)

Arrivano le parole di Gasperini dopo la vittoria della sua Atalanta contro la Roma per 4-1: decisivo Ilicic

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di ‘Sky Sport’ dopo la vittoria per 4-1 contro la Roma: “Ilicic è un giocatore che se recuperiamo al meglio ci fa fare il salto di qualità. Non ha fatto male finora, ma è stato un po’ discontinuo. A volte perdeva un po’ di fiducia, gettava la spugna. Ha fatto degli allenamenti in settimana strepitosi. Era previsto che entrasse dalla panchina per togliergli pressioni. Sono molto contento di Malinovskyi e Miranchuk che fino a martedì era ancora positivo al Covid-19. Con la Juve ha fatto solo uno spezzone. Se recuperiamo questi abbiamo più chance di far bene”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Atalanta-Roma, le parole di Gasperini su Gomez

Atalanta Gomez
Alejandro Gomez (Getty Images)

Gasperini ha poi parlato del caso legato al Papu Gomez: “Allora, quando si arrabbia un allenatore è una cosa, quando lo fa un presidente è un po’ più difficile risolvere. Non rispondo più, ancora oggi mi chiedete di questa cosa. Ci penserà la società. Siete un po’ pesanti dopo questa serie di risultati, c’è stato un comunicato e finisce lì. Basta parlare di lui”. Prosegue poi l’allenatore dell’Atalanta: “Nel frattempo abbiamo giocato ad Amsterdam, poi abbiamo vinto con la Fiorentina, pareggiato con una Juve straordinaria. Non è un addio con Gomez. La non convocazione era successa anche a Udine, poi non abbiamo giocato. Al di là di tutto, bisogna parlare della prestazione di oggi, per rispetto dell’Atalanta. Abbiamo vinto contro una grande squadra e per il 4-1 mi sembra un po’ doveroso spostare un po’ l’attenzione”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Conte mette fretta a Vidal: addio in vista

Chiusura su Muriel: “Sono in debito con Muriel, è straordinario dalla panchina. Quando gli avversari fanno fatica diventa decisivo con le sue accelerazioni. Avrei dovuto impiegarlo qualche volta in più dal 1′ per una questione di morale. Si deve sentire importantissimo per questa squadra. Non credo molto nel turnover -ha proseguito Gasperini-, quando hai 5 cambi non c’è bisogno. Ho perso un po’ di tempo con lui per fare delle prove. E’ un titolare, ha fatto 18 gol l’anno scorso. Ha un bel carattere, l’ho visto un po’ triste e mi dispiace per lui, spero che questo gol lo aiuti”.