Napoli, Osimhen ‘distrutto’ da Renica: “È un altro Petagna! Manca uno come Higuain”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29
Napoli, Renica su Osimhen: È un altro Petagna. Manca uno come Higuain
Victor Osimhen @ Getty Images

Victor Osimhen, attualmente out per infortunio, è stato sostituto da Petagna al centro dell’attacco del Napoli: il parere di Renica

Victor Osimhen è arrivato al Napoli nell’estate scorsa dal Lille per 70 milioni di euro, più 10 milioni di bonus. Un’operazione totale, ingaggio incluso, da oltre 100 milioni, come dichiarato dal presidente Aurelio De Laurentiis dopo la firma del nigeriano. L’acquisto più costoso di sempre della storia del club campano. Attualmente fermo ai box a causa dell’infortunio alla spalla patito la Nigeria, ha collezionato otto presenze in questa prima parte di stagione segnando due gol in Serie A. Con il ko anche di Mertens, problema alla caviglia, e la squalifica di capitan Lorenzo Insigne, contro la Lazio toccherà nuovamente ad Andrea Petagna guidare l’attacco di Gennaro Gattuso.

LEGGI ANCHE>>>Napoli, emergenza attacco: Llorente e Milik, cosa cambia

Napoli, Renica su Osimhen: È un altro Petagna. Manca uno come Higuain
Andrea Petagna in azione contro l’Inter @ Getty Images

Renica: “Il Napoli non può aspettare Petagna. Manca uno come Higuain o Cavani”

Dell’attacco del Napoli, ma non solo, ha parlato Alessandro Renica, ex calciatore del club campano: “Manca, forse, un attaccante che concretizzi la mole di gioco. Petagna si impegna molto, ha una buona prospettiva – le sue parole a ‘Radio Punto Nuovo’ – Ma il Napoli non può aspettarlo. Osimhen è un altro Petagna, non abbiamo certezza che arrivi a doppia cifra. Mertens è un giocatore importante, ma manca uno come Higuain o Cavani per vincere lo Scudetto“. Renica si esprime anche sul cartellino rosso sventolato a Lorenzo Insigne nel match contro l’Inter: “Capisco il giocatore che con adrenalina possa avere questa tensione. Lorenzo, però, è anche capitano e da allenatore c’è applicazione del regolamento. Il Napoli ha avuto sfortuna, ma non è da grande squadra attaccarsi alle decisioni arbitrali“.