Inter, Cucchi severo | Dal flop Champions allo sfogo di Conte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:35
Antonio Conte (Getty Images)

Riccardo Cucchi, storica voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” in una lunga intervista si è soffermato sui problemi dell’Inter di Conte 

L’eliminazione prematura dalla Champions da parte dell’Inter ha fatto rumore portando strascichi importanti. Tanta infatti la delusione in seguito alla debacle della squadra di Conte aspramente criticata anche da Riccardo Cucchi che in una lunga intervista a ‘Sport-lab.it’ ha detto: “Le squadre italiane hanno fatto bene in Europa, manca solo l’Inter. Il momento complessivo del calcio italiano è molto positivo, mi auguro che anche l’Inter possa rifarsi. Penso sia strano che l’Inter, finalista l’anno scorso in Europa League, sia uscita in questo modo. Ha un organico di tutto valore, ma ha un problema tattico. Antonio Conte dà molta fisicità ai suoi giocatori, perdendo la qualità che nel calcio è rispettabile. Nel calcio, senza qualità, è difficile compiere un percorso. Manca la personalità, troppo monotona e ripetitiva”. Per le ultime notizie sul calciomercato del campionato italiano di Serie A—> clicca qui!

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, futuro Eriksen: addio e ritorno, ma senza Conte

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, clamoroso Conte: pronto all’addio | La reazione del club 

Cucchi si è quindi soffermato sulla reazione di Conte ai microfoni dei giornalisti nel post-partita: “Sono consapevole della difficoltà di interviste dopo gare deludenti. Conte non aveva smaltito la delusione, i colleghi sono stati garbati. L’allenatore deve sapere che non deve sottrarsi alle domande, senza perdere garbo ed eleganza. Non si manca di rispetto al giornalista, bensì allo spettatore. La domanda migliore del giornalista all’allenatore è quella che farebbe il telespettatore. Se azzecchi la domanda azzecchi l’intervista. Gli allenatori rivestono un ruolo fondamentale nel rapporto tra spettatore e calcio. L’allenatore non può sottrarsi alla domanda, perché la prima offesa non è al giornalista, bensì allo spettatore. Conte è stato ineducato nei confronti di chi vedeva”.