Inter, altro che biscotto: il Real Madrid rischia l’apocalisse

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:01
real madrid biscotto inter
Zinedine Zidane (Getty Images)

Il Real Madrid si gioca stasera un pezzo enorme del suo futuro e non può permettersi rischi contro il Borussia Monchengladbach: niente biscotto

È comprensibile che in Italia, se si giunge all’ultima giornata di una fase a gironi e un pareggio qualifica due club che si affrontano, si inizi a pensar male. Il 2-2 tra Danimarca e Svezia del 2004 è una ferita che difficilmente si rimarginerà e il fantasma ‘biscotto’ continuerà ad aleggiare su di noi ancora per un bel po’. Nel caso di Real Madrid-Borussia Monchengladbach, però, i tifosi hanno un paio di motivi per stare relativamente tranquilli. 

Escludere a priori il pareggio è impossibile, ma lo è altrettanto immaginare una ‘X’ cercata volutamente dalle squadre in campo. Soprattutto se prendiamo in esame la situazione dei merengues. Inutile evitare giri di parole: il Madrid considererebbe un’apocalisse fallire l’accesso agli ottavi di finale. Sarebbe una debacle mai vissuta dai madrileni e le sue conseguenze economiche complicherebbero a dismisura in un anno già terribile per la crisi che stiamo vivendo. 

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, nuova pista dall’Inghilterra per Eriksen

real madrid biscotto
Florentino Perez (Getty Images)

Real Madrid, in caso di eliminazione via tutti

Rinunciare ad (almeno) altri 30 milioni di euro sarebbe inaccettabile per Florentino Perez, che a quel punto prenderebbe in mano la situazione: via Zinedine Zidane, via un paio di dirigenti, totale rifondazione dello spogliatoio. L’eventuale nuovo tecnico sarebbe uno tra Pochettino e Raul, già preallertati. 

LEGGI ANCHE >>> Real Madrid, quattro recuperi per Zidane in Champions

Il processo che inizierebbe da stasera sarebbe epocale e aprirebbe, di fatto una nuova era per i blancos. A questo, va aggiunto che un eventuale pareggio nemmeno lascerebbe totalmente tranquilli gli spagnoli, che in caso di vittoria dello Shakhtar si troverebbero comunque fuori. La storia, il blasone e il bilancio obbligano il Real Madrid a non fare conti, a vincere e cancellare l’incubo di ritrovarsi subito fuori da una competizione che è casa loro. Ha ragione Conte: qualsiasi altro retropensiero è solo deprimente.