Milan, Maldini: “Pioli sorprendente” | Poi esalta Kessie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:47
Milan Maldini
Paolo Maldini (Getty Images)

Paolo Maldini, direttore dell’area tecnica del Milan, ha rilasciato alcune dichiarazioni

Paolo Maldini fa il punto sul momento del suo Milan. Dal sogno scudetto alla crescita dei singoli, il direttore dell’area tecnica ha rilasciato dichiarazioni importanti: “Obiettivo? Sarebbe assurdo non cercare di andare in Champions League, anche se dalla proprietà non ci è stato dato un input in questo senso. Scudetto? Il Milan sta sognando e non vuole smettere di farlo. Soprattutto, non mollerà – spiega alla ‘Gazzetta dello Sport’ – Pioli? Ha un ruolo speciale. Porta pacatezza, equilibrio, conoscenza di calcio. Porta sensibilità, però anche intensità. Le assicuro che Pioli è sorprendente. Sa essere un martello a modo suo”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

calciomercato Milan Maldini
Paolo Maldini (Getty Images)

La bandiera rossonera ha parlato anche della crescita dei singoli: “Kessie? Ha dimostrato il suo amore per il Milan. Vuole riportare questo club in alto, come tanti altri. Leao? Pensiamo che abbia un grande talento. Questa scommessa non è soltanto la scommessa del Milan, ma la sua. La qualità c’è ed è enorme. Saelemaekers? E’ una bella storia, ma all’interno di questo Milan ce ne sono molte. Penso a Theo Hernandez: sembrava che per lui fosse l’ultima possibilità dopo quella sprecata al Real Madrid, ultima chiamata e la risposta c’è stata. Theo è un ragazzo per bene. Gabbia? Sta facendo progressi. Nessuno poteva immaginare che crescesse così tanto in poco tempo”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, Maldini sotto accusa: “Irrispettoso”

L’ESPERIENZA – “Giocatori come Ibra? Sono importanti per favorire la crescita e ora siamo più sicuri di quattro mesi fa. Per i giovani, vincere senza Ibrahimovic, Kjaer, altri uomini fondamentali come Bennacer e Rafael Leao è un buon segnale. Favorisce l’autostima”.

ETERNO MARADONA – “Diego trasmetteva e trasmetterà sempre la gioia del calcio, perché amava davvero il pallone. E noi non dobbiamo giudicarlo, soltanto ricordare la sua grandezza in campo”.