Champions League, Lazio-Club Brugge 2-2: biancocelesti agli ottavi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:48
Ciro Immobile esulta dopo il gol (Getty Images)

La Lazio pareggia col Club Brugge, ma basta per passare il turno come seconda del girone

Lazio che guadagna la qualificazione agli Ottavi di Champions League grazie al pari per 2-2 contro il Club Brugge: risultato fondamentale, non senza qualche fatica, ma che non permette ai biancocelesti di confermare il secondo posto nel girone, con il Borussia Dortmund che ha la meglio sullo Zenit, in rimonta, per 2-1, e si qualifica come prima. Vano il vantaggio dei russi con Driussi al 18′: nella ripresa i tedeschi ribaltano il risultato con Piszczek al 68′ e Witsel al 78′.

All’Olimpico, invece, i padroni di casa si portano in vantaggio al 12′, mettendo subito la partita in discesa: azione di prepotenza dei biancocelesti con Correa e Luis Alberto che dialogano, fino alla conclusione del brasiliano respinta da Mignolet. Sulla ribattuta arriva Correa che insacca per l’1-0. Vantaggio che dura appena tre minuti, perché al 15′ il Club Brugge arriva al tiro con Lang: la respinta di Reina finisce dalle parti di Vormer che deposita in rete alle spalle dell’estremo difensore spagnolo. Azione fotocopia che punisce la Lazio, che però si porta nuovamente avanti al 27′ con Immobile: l’attaccante viene atterrato da Mata in area di rigore e l’arbitro fischia subito il penalty, senza dubbi. Dal dischetto l’attaccante azzurro supera Mignolet spiazzandolo con un tiro angolato e potente.

LEGGI ANCHE >>> Lazio-Bruges 2-2, le pagelle: Immobile re d’Europa, Vormer ispirato

Champions League, Lazio seconda nel girone

Lazio Club Brugge
Ciro Immobile (Getty Images)

Prima dell’intervallo Bruge che resta in dieci uomini per la seconda ammonizione di Sobol, che atterra Lazzari e viene spedito sotto la doccia anzitempo. Ripresa che vede la Lazio amministrare il risultato, provando a cercare il 3-1 e approfittare della superiorità numerica prima con Correa e poi con Luis Alberto: entrambe le conclusioni sono centrali, però. Bruges che quindi prende coraggio al 77′ trova il pareggio con Vanaken, servito da Vormer in area: l’attaccante supera Luiz Felipe e batte Reina.

Nel finale Lazio che soffre, con De Katelaere che colpisce anche una traversa al 91′ da posizione favorevole. Padroni di casa che riescono a portare a casa il pareggio dopo quattro minuti di recupero che vedono il Brugge spingere alla ricerca della vittoria, che avrebbe spinto i biancocelesti al terzo posto e alla qualificazione in Europa League.

CLASSIFICA FINALE: Borussia Dortmund punti 13, Lazio 10, Club Brugge 8, Zenit San Pietroburgo 1.