PAGELLE E TABELLINO MILAN-CELTIC 4-2: Hauge è imprendibile! Dalot rimandato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:47
Pagelli Milan-Celtic Hauge
Jens Petter Hauge (Getty Images)

Pagelle e tabellino del primo tempo di Milan-Celtic, match valido per il quinto turno della fase a gironi di Europa League

Inizio shock per il Milan, sotto dopo pochi minuti per 2 a 0 per le reti di Rogic ed Edouard. Gravi errori di Krunic e Dalot. Calhanoglu, con una fantastica punizione, e Castillejo la rimettono subito in piedi. Nel secondo tempo sale in cattedra Hauge, gol spettacolare e assist per Brahim, e i rossoneri portano a casa la vittoria e la qualificazione.

Ecco i voti:

MILAN
Donnarumma 7 – Nel momento più difficile ci mette una pezza. E’ super quando è chiamato a volare sulla punizione di Christie e nel finale su Frimpong.

Dalot 4,5 – La difesa scatta in avanti per mettere in fuorigioco Edouard ma è troppo lento e arriva il 2-0 degli ospiti. In attacco non si fa mai vedere. Appare chiaro perché il titolare sia Calabria.

Kjaer s.v. Dal 10′ Romagnoli 6 – Entra in campo nel momento più difficile. Dopo qualche minuto di assestamento, sforna una buona prestazione. Il periodo nero appare alle spalle.

Gabbia 6,5 – Ancora una prova concentrata per il giovane centrale, che in attesa del nuovo difensore risulterà sempre più utile visto anche il problema di Kjaer.

Hernández 6 – Frimpong lo mette qualche volta in apprensione. Crea superiorità numerica e per Pioli è ovviamente insostituibile.

Kessie 6 Nel primo tempo è spesso troppo solo tra tante maglie verdi. L’ingresso in campo di Tonali gli dà una mano a crescere Dal 61′ Bennacer 6,5 – Entra per dare maggiore equilibrio alla squadra. Dal il via all’azione del 4 a 2.

Krunić 4 – Dà il via al vantaggio del Celtic con un controllo maldestro. Il ruolo di mediano non sembra essere proprio il suo. Inesistente per 45 minuti. Dal 45′ Tonali 6,5 – Fa le cose semplici ed è quello che serve in una serata come queste. Si fa trovare sempre dai compagni e quando serve ci mette anche i muscoli.

Castillejo 6,5 – E’ in crescita, utile in fase difensiva, anche se delle volte risulta troppo leggero. Risponde presente in occasione del gol.

Çalhanoglu 7 – Senza il leader Ibra è lui a prendersi il Milan sulle spalle. Dà il via alla rimonta con una punizione magistrale. Sta recuperando la forma migliore e lo dimostrano i ripiegamenti in fase difensiva. Dal 61′ Brahim Diaz 7 – La sensazione è che possa diventare sempre più fondamentale a partita in corso. Con il gol mostra a tutti la sua classe

Hauge 7,5 – Il gol che porta avanti il Milan è una magia. Serpentina da fuoriclasse e palla all’angolino. Poi fa ancora ballare la difesa, fornendo l’assist per Brahim Diaz.

Rebić 6,5 – Ci mette tanta grinta, è sempre l’ultimo a mollare. Il secondo gol arriva grazie alla sua ‘testardaggine’.

All Pioli 6 – Privarsi contemporaneamente di Bennacer e Tonali non risulta proprio una buona idea. Il Celtic gli mette paura ma le giocate dei suoi campioni rimettono le cose in ordine e può festeggiare la qualificazione.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

CELTIC
Barkas 5,5 – Nessun errore evidente ma tra i pali non appare proprio sicuro.
Elhamed 4 – I gol nascono dalla sua parte. Hauge riesce ad infilarsi troppo facilmente.
Bitton 4 – Fatica non poco contro gli attacchi del Milan. Lento e spesso fuori posizione.
Ajer 6 – Meglio rispetto al compagno ma il centrale, che piace ai rossoneri, non è esente da colpe. La sua incursione in avanti e la voglia di ribaltarla è da grande giocatore.
Laxalt 6 – Il Milan spinge soprattutto dall’altra parte del campo. Non soffre dietro e dà una mano alla manovra offensiva.
McGregor 5,5 – Meglio in fase di impostazione che di interdizione. Come i compagni fatica quando il Milan viene fuori.
Brown 5 – Impreciso e spesso falloso. In difficoltà tra le maglie rossonere. Dal 78′ Soro s.v.
Christie 6 – Il passaggio filtrante per il 2-0 gli permette di strappare la sufficienza. Nel finale potrebbe vedersi alzare il voto ma Gigio Donnarumma gli nega la gioia del gol.
Rogic 6 – Troppo ghiotta l’occasione per portare avanti i suoi a San Siro. Poi il Milan cresce e lui va in affanno. Dal 63′ Natcham 6 – Il suo ingresso in campo riaccende il Celtic, che ci prova praticamente fino alla fine.
Frimpong 6,5 – Con la sua freschezza e agilità riesce a mettere in difficoltà Theo, soprattutto nella parte finale del match. Donnarumma gli nega la gioia del gol allo scadere.
Edouard 6,5 – Freddo in occasione del gol del momentaneo 2-0. Poi non ha modo per essere ancora pericoloso.
All. Lennon 6 – Il suo Celtic è messo bene in campo. Va vicinissimo all’impresa ma la superiore qualità del Milan, alla fine fa la differenza. Il 4 a 2 è forse un po’ troppo

De Burgos 5,5 – Gestione discutibile dei cartellini ma non commette errori decisivi. La partita non è complicata e certamente questo lo aiuta.

TABELLINO
MILAN-CELTIC 4-2

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Dalot, Kjær, Gabbia, Hernández; Kessie, Krunić; Castillejo, Çalhanoğlu, Hauge; Rebić. A disp.: A. Donnarumma, Tătărușanu; Calabria, Duarte, Kalulu, Romagnoli; Bennacer, Díaz, Saelemaekers, Tonali; Colombo, Maldini. All.: Pioli.

CELTIC (4-2-3-1): Barkas; Elhamed, Bitton, Ajer, Laxalt; McGregor, Brown; Christie, Rogić, Frimpong; Édouard. A disp.: Bain, Hazard; Jullien, Soro, Taylor, Welsh; Henderson, Ntcham; Ajeti, Klimala. All.: Lennon.

Arbitro: Ricardo de Burgos (ESP).
AMMONIZIONI: 23′ Christie (C), Rogic (C), 74′ Brown (C)
ESPULSIONI:
GOL: 8′ Rogic (C), 14′ Edouard (C), 24′ Calhanoglu (M), 25′ Castillejo (M), 49′ Hauge, 83′ Brahim Diaz