Napoli-Roma, Gattuso: “Partita con la Juve? Noi abbiamo 18 punti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:36
Diretta Napoli Roma formazioni Gattuso
Gennaro Gattuso ©️Getty Images

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli, ha parlato dopo la vittoria contro la Roma per 4-0: tanti i temi affrontati

L’allenatore del Napoli Gennaro Gattuso ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la vittoria contro la Roma per 4-0. Tanti i temi affrontati ai microfoni di ‘Sky Sport‘. Di seguito, le parole di Gattuso: “Non dobbiamo sottovalutare nulla. Quando sei in difficoltà devi essere lì, da squadra organizzata. Mi è piaciuto quando abbiamo chiuso le linee di passaggio quando non avevamo la palla. Se sbaglia un passaggio vorrei degli applausi e non dei vaffa*****“.

Su Maradona – “Si respira un’aria molto triste, ma ora la città deve avere buon senso. C’è troppa gente senza mascherina. Maradona è una leggenda, sanno tutti chi è. Però dobbiamo fare i bravi altrimenti tutti ne pagheranno le conseguenze. Capisco l’affetto e l’aria che si respira, ma spero che da domani sarà diverso. Ognuno deve fare il suo“.

Sul modulo – “Non è una questione di modulo. Sicuramente il vertice basso ti dà più equilibrio, ma in fase di possesso Zielinski e Fabian andavano sottopunta. Quindi non è il modulo la questione principale“.

Sulla mentalità – “L’altra volta mi sono preso io le colpe: a volte faccio passare qualcosa ai giocatori, ma mi sono reso conto che non devo far passare niente. Altrimenti non sarei me stesso e darei segnali negativi. Ai miei tempi si parlava poco, oggi devo far venire la nausea ai miei calciatori per quanto rompo le scatole“.

Per seguire interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale Youtube!

Su Zielinski – “E’ importante, ma non si reggeva in piedi a causa del Covid-19 così come Dzeko. Non ha ancora i 90′ ma gli abbiamo dato minutaggio. Ha tutto per diventare un calciatore importante“.

Sulla condizione fisica – “Su 12 partite ne abbiamo vinte 9 e perse 3, non so cosa si aspettano da noi. Voglio alzare l’asticella, giocare un buon calcio e da squadra. Non possiamo essere sempre al 100%, si gioca ogni tre giorni. Puoi avere meno condizione fisica, ma dev’esserci la mentalità. Bisogna annusare il pericolo“.

Su Juve-Napoli – “Noi abbiamo fatto 18 punti sul campo, il resto non è un problema nostro. Io e la squadra eravamo in pullman alle 18:55. Avevamo molte chance di fare risultato a Torino, la Juventus faceva fatica, ora è più forte. E’ una cosa che non ci ha agevolato, ci è andata male. Spero che la Giustizia faccia il suo corso, ma al momento abbiamo 18 punti“.

Sullo scudetto – “La squadra da battere è l’Inter, abbina qualità e forza fisica. La Juventus è la prima per mentalità. Entrambe arriveranno in alto“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Napoli-Roma, Fonseca: “Non abbiamo scuse, non c’è stato coraggio”

Serie A, Napoli-Roma 4-0: partenopei sul velluto nel segno di Maradona