Bruges-Lazio 1-1, le pagelle: Correa cinico, Patric ingenuo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:16
Bruges-Lazio
Joaquin Correa (Getty Images)

Bruges-Lazio 1-1, avanti i biancocelesti con Correa ma Patric rovina tutto: buon punto comunque per Simone Inzaghi

In Belgio i biancocelesti in emergenza di formazione rimediano un punto prezioso.

BRUGES

Mignolet 6 – Niente da fare sul gol imparabile di Correa. Chiude lo specchio a Milinkovic.
Clinton Mata 6 – Il più attento del reparto arretrato. Cerca di fermare gli attaccanti con le buone e con le cattive.
Kossounou 5,5 – Indietreggia quando Correa lo punta, permettendo all’argentino di arrivare al tiro, preludio allo 0-1.
Deli 5 – Concorso di colpa con Kossounou nell’azione che porta la Lazio al primo gol.
Diatta 6 – Entra duro su Fares e rimedia un giallo. Spinge sulla corsia destra.
Vormer 6 – Prova a mettere ordine nel mezzo.
Rits 6,5 – Si guadagna il rigore dell’1-1, grazie alla marcatura fallosa di Patric. Sfiora il gol di testa, testando i riflessi di Reina.
Vanaken 6,5 – Segna il rigore del pareggio con freddezza.
Sobol 5,5 – Si divora a porta sguarnita la rete del possibile 2-1.
De Katelaere 5,5 – La mira non è quella giusta. Impreciso. Dall’83’ Lang s.v.
Bonaventure 6 – Da posizione defilata non riesce a trovare lo specchio. L’impegno c’è. Dall’88’ Krmencik s.v.
Clement 6 – L’atteggiamento spavaldo in avvio di gara viene punito da Correa. Dopo il pareggio la squadra si organizza e prende fiducia.

LAZIO

Reina 7 – Spiazzato da su calcio di rigore. Si supera su un tiro di Bonaventure e su un colpo di testa di Rits.
Patric 4,5 – Rischia il pasticcio, rinviando male, ma De Katelaere lo grazia. Abbraccia Vanaken in area e Taylor, dopo aver consultato il Var, assegna un rigore al Bruges, che lo stesso Vanaken non sbaglia. Dal 46’ Pereira 6 – Si incarica dei calci piazzati. Recupera un paio di palloni.
Hoedt 6 – Ruvido negli interventi. Becca un giallo evitabile.
Acerbi 6 – Si affaccia nella metà campo avversaria, tentando qualche cross interessante.
Marusic 6,5 – Partecipa all’azione che porta al vantaggio biancoceleste. Fondamentale nella fase di non possesso.
Akpa Akpro 6 – Debutta in Champions dal primo minuti e non sembra avvertire la pressione. Personalità.
Parolo 6 – Con l’ingresso di Pereira viene schierato sulla linea dei difensori. Parte in regia, finisce la gara in difesa. Jolly.
Milinkovic 6,5 – Fa gli straordinari. Ci mette fisico, qualità ed esperienza. Mignolet gli nega la gioia del gol dopo un inserimento senza palla da manuale.
Fares 5,5 – Soffre un po’ quando deve contenere le avanzate di Diatta. Non sfrutta a dovere un’ottima occasione in contropiede. Dal 55’ Muriqi – Entra e la Lazio si schiera con la difesa a quattro. Guadagna falli preziosi.
Correa 6,5 – Letale il sinistro con cui trafigge Mignolet. Cala col passare dei minuti.
Caicedo 6 – Gioca per la squadra e si rende pericoloso nel gioco aereo.
Inzaghi 6,5 – Mette in campo una formazione d’emergenza con oltre dieci giocatori indisponibili. Cambia più volte modulo a gara in corso. Dal 58’ Czyz 6 – Esordio assoluto tra i professionisti. Mette in campo tutta l’impegno possibile.
Taylor 6 – Assegna un rigore al Bruges, dopo aver consultato il Var, per un trattenuta di Patric su Ritz sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Fiscale. Non esita a mostrare il cartellino giallo ai giocatori.

Tabellino
Bruges (4-3-3): Mignolet; Clinton Mata, Kossounou, Deli; Diatta, Vormer, Rits, Vanaken, Sobol; De Katelaere (dall’83’ Lang), Bonaventure (dall’88’ Krmencik). A disp.: Horvath, Balanta, Schrijvers, Ricca, Okereke, Badji, Mechele. All.: Clement.

Lazio (3-5-2): Reina; Patric (dal 46’ Pereira), Hoedt, Acerbi; Marusic, Akpa Akpro (dal 55’ Muriqi), Parolo, Milinkovic, Fares; Correa, Caicedo (dal 58’ Czyz). A disp.: Alia, Furlanetto, Franco, Pica, Bertini. All.: S. Inzaghi.

Arbitro: Taylor (Ing)

Reti: 14’ Correa (L), 41’ Rig. Vanaken (B)

Note: Ammoniti Diatta (B), Fares (L), Patric (L), Hoedt (L), Akpa Akpro (L), Denni (B), Czyz (L), Ritz (B)