PAGELLE E TABELLINO DI BENEVENTO-NAPOLI: Osimhen in ombra, che Insigne!

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
pagelle benevento napoli
Insigne (Getty Images)

Le pagelle e il tabellino di Benevento-Napoli, sfida valida per la quinta giornata del campionato di Serie A. I voti della sfida del ‘Vigorito’

Vince il Napoli sul campo del Benevento grazie alla rimonta firmata da Lorenzo Insigne e Andrea Petagna. Vantaggio sannita siglato da Roberto Insigne, ottimi gli ingressi in campo Politano e Petagna.

BENEVENTO

Montipò 7 – Nel primo tempo è assolutamente decisivo con un paio di interventi da campione vero, sventando pericoli imminenti per i suoi con interventi spettacolari.

Letizia 6 – Grande spinta, una spina nel fianco costante per la retroguardia del Napoli. Soffre troppo in fase difensiva quando il Napoli va all’arrembaggio.

Glik 6 – Si occupa di Osimhen e lo fa decisamente bene. Ottime chiusure, quasi mai il nigeriano riesce a scappargli via.

Caldirola 6.5 – Ottima prestazione fatta di grande concentrazione.

Foulon 6 – Una bella sorpresa il 21enne belga: tiene bene il campo per quasi un’ora. Dal 64′ Christian Maggio 6 – Tanta emozione per la prima contro la sua ex squadra.

Dabo 6,5 – Annulla Fabian Ruiz, impedendogli di costruire la manovra del Napoli. Dal 64′ Improta 5 – Fatica ad entrare nel vivo del gioco.

Schiattarella 6,5 – Ottima visione di gioco, giostra l’azione con facilità e trovando sempre il compagno libero.

Ionita 6 – La manovra del Benevento passa dai piedi suoi e di Schiattarella.

R. Insigne 7 – Era lui il più atteso, per tanti validissimi motivi. E lui dimostra subito di non essere “l’altro” Insigne con un’azione spettacolare, orchestrata in collaborazione con Lapadula e finalizzata da Roberto con un missile da zero metri. Junior sì, ma solo per l’età. Dal 77′ Di Serio sv

Caprari 6 – Movimento costante nel primo tempo, la difesa del Napoli non riesce mai a fermarlo. Scompare nel secondo tempo quando c’è più da difendere che da attaccare. Dal 53′ Tuia 5.5 – Fatica non poco a tenere testa agli avanti azzurri.

Lapadula 6 – Grande contributo: grinta e movimento al servizio della squadra. Si spegne alla distanza quando le energie fisiche lo abbandonano. Dal 64′ Sau 5.5 – Spreca un importante contropiede, sbagliando la scelta.

All. Inzaghi 6.5 – Che bella squadra questo Benevento. Imbriglia il Napoli per quasi un’ora poi cede alla maggiore qualità avversaria senza mai rinunciare ad attaccare.

NAPOLI

Meret 6.5 – Può poco in occasione del gol di Robeto Insigne può poco, per il resto fa da spettatore fino al 96′: grandi riflessi su Sau nell finale.

Di Lorenzo 6 – Primo tempo di sofferenza, come per tutta la squadra. Meglio nella ripresa, soprattutto da quando entra in campo Politano: con lui il binario di destra diventa molto pericoloso.

Manolas 5.5 – Non esente da colpe in occasione del gol sannita, prova a farsi perdonare andando in avanti: la traversa ferma i suoi propositi di gloria.

Koulibaly 6 – Non la sicurezza delle prime uscite, neanche le distrazioni dell’Europa League. Cresce con il passare del tempo.

Mario Rui 5,5 – Alla prima da titolare in campionato, mostra una certa ruggine. Meglio (ma senza eccellere) in fase di spinta. Mezzo voto in più per il salvataggio nel finale.

Fabian 5.5 – Dabo si mette sulle sue tracce e non lo molla per tutti i 90 minuti. Difficile fare gioco così eppure dovrebbe essere proprio lui la ‘luce’ di questo Napoli. Dal 87′ Lobotka sv

Bakayoko 6 – Prova in chiaro scuro: primo tempo in grande difficoltà, meglio nella ripresa quando prova anche a imbeccare i suoi compagni. L’infortunio lo mette fuori causa proprio nel momento migliore. Dal 74′ Demme sv

Lozano 5 – Una gara parecchio in sordina, qualche passo indietro importante rispetto alle ultime, sorprendenti uscite. Le avvisaglie c’erano state già con l’AZ, stasera però oltre a scomparire dai radar spreca anche parecchio. Dal 57′ Politano 7 – Entra e spacca il match con quello slalom che consente a Petagna di battere indisturbato dentro l’area di rigore.

Mertens 5 – Anche per lui gli spazi sono pochi, il Benevento si difende bene e non gli dà modo di affondare come ha fatto nelle scorse partite. La scelta di Petagna serve sicuramente per dare più peso all’attacco. Dal 57′ Petagna 6.5 – Un ingresso di peso e non soltanto per la stazza fisica: sua la firma del raddoppio azzurro.

L. Insigne  7 – In settimana erano riusciti a criticarlo anche da assente, aggrappandosi al fatto che il Napoli senza di lui giocasse meglio. Risponde a modo suo, da campione vero: il missile con cui devasta l’insuperabile Montipò, dopo un altro bel gol annullato, è qualcosa di favoloso. Così si risponde, anche alle critiche più assurde. Dall’87’ Ghoulam sv

Osimhen 5.5 – Involuto rispetto alle prime straripanti prove italiane. Certo la squadra, soprattutto nel primo tempo, non lo assiste, ma lui non fa poco per farsi vedere.

All. Gattuso 6.5 – Insiste con il 4-2-3-1 ma, per la seconda volta dopo l’AZ, la squadra appare spenta. Il gol la sveglia ma sono soprattutto le sostituzioni a cambiare il volto alla gara: Politano e Petagna mettono il loro zampino nella rimonta.

Arbitro Doveri 6 – Qualche protesta del Napoli per un contatto su Lozano in area, ma tutto sommato una gara amministrata bene.

TABELLINO 

BENEVENTO-NAPOLI 1-2

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Glik, Caldirola, Foulon (19′ st Maggio); Dabo (19′ st Improta), Schiattarella, Ionita; R. Insigne (32′ st Di Serio), Caprari (8′ st Tuia); Lapadula (19′ st Sau). A disposizione: Manfredini, Lucatelli, Pastina, Basit, Tello, Viola, Hetemaj. Allenatore: Inzaghi

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Ruiz (43′ st Lobotka), Bakayoko (29′ st Demme); Lozano (13′ st Politano), Mertens (13′ st Petagna), L. Insigne (43′ st Ghoulam); Osimhen. A disposizione: Ospina, Contini, Hysaj, Malcuit, Maksimovic, Rrahmani. Allenatore: Gattuso

ARBITRO: Doveri di Roma

MARCATORI: 30′ pt R. Insigne (B), 15′ st L. Insigne (N), 22′ st Petagna (N)

AMMONITI: Caprari, Foulon, Glik (B); Politano (N). Recupero: 1′ e 6′