Genoa-Inter, Conte sbotta su Eriksen: “Lo state vedendo…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:39
conte inter genoa
Antonio Conte (Getty Images)

Antonio Conte parla dopo la vittoria dell’Inter sul campo del Genoa: le parole del tecnico nerazzurro nel post gara

Torna a vincere l’Inter che batte 2-0 il Genoa a ‘Marassi’ e ritrova il successo dopo due partite. Nel post gara Antonio Conte ha commentato la gara a ‘Sky’: “Fin dall’inizio abbiamo comandato la partita. Siamo scesi in campo come nelle altre gare, cercando di fare la partita. A volte la sblocchi prima, altre volte tardi. Anche con il Borussia abbiamo fatto un’ottima partita per le mie valutazioni tecniche, abbiamo concesso due tiri. Oggi zero tiri, non abbiamo preso gol: c’è soddisfazione perché siamo venuti con la forza della squadra che è coscienza”.

DIFESA – “Il problema è quando concedi tante occasioni. Se invece prendi tre gol su tre occasioni, significa che c’è qualche errore che può capitare. La squadra è sempre stata equilibrata. Io devo fare un’analisi fredda, precisa, mentre voi parlate con i numeri ed è giusto che facciate notare i gol presi”.

BASTONI – “Bastoni lavora da un anno con noi ed è normale che renda meglio rispetto ai nuovi che devono avere il tempo di adattarsi. Le situazioni vanno provate e riprovate, servono le amichevoli e invece non ci sono state quest’anno. Abbiamo provato nelle gare ufficiali. E’ normale che Bastoni conosca di più i meccanismi mentre Kolarov deve ancora conoscerli. Ranocchia oggi ha fatto una grandissima partita. Non ha giocato tanto, sembrava dovesse andare via”.

LUKAKU – “Oggi è un giocatore diverso rispetto ad un anno fa. E’ molto cresciuto, molto migliorato. L’ho chiesto anche nelle esperienze precedenti, lui sta lavorando e si vede che tiene più palla, riesce ad essere più qualitativo nell’ultimo passaggio”.

ERIKSEN – “Dispiace che vi state fossilizzando troppo sul discorso di Eriksen. E’ dalla scorsa stagione che mi chiedete di lui. Fa parte della rosa: se merita gioca, se non merita non gioca. Le caratteristiche sue le state vedendo, stiamo cercando di metterlo nelle condizioni. Mi dà fastidio di dover parlare sistematicamente di Eriksen… che vi devo dire? Intanto sta con noi e non è un problema per noi, ma per gli avversari. Lo mettiamo nelle migliori condizioni per esprimersi: a volte ci riesce, altre meno. Stiamo aiutandolo in tutto i modi per farlo crescere e lui ci sta mettendo tanta voglia. Non è giusto parlare sempre di lui”.