Roma-Benevento, Inzaghi: “Risultato bugiardo. Vogliamo comandare il gioco”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:30
Pippo Inzaghi post Roma-Benevento
Pippo Inzaghi (Getty Images)

Le parole di Pippo Inzaghi dopo il ko del suo Benevento contro la Roma, in un match valevole per la quarta giornata di Serie A

Il Benevento esce sconfitto 5 a 2 dall’Olimpico. Il tecnico dei campani, Pippo Inzaghi, è soddisfatto della prova dei suoi, decisamente meno, ovviamente, del risultato: “Fare 10 tiri in porta a Roma non era facile – ammette ai microfoni di ‘Sky Sport’ – Abbiamo giocato per 70 minuti alla pari. abbiamo rischiato in contropiede. Il risultato è bugiardo ed io sono soddisfatto della prestazione. Siamo un po’ inesperti, con alcuni elementi, ma la mentalità è quella giusta. Abbiamo creato, siamo andati in vantaggio e non abbiamo mai mollato, è questo che voglio. E’ la mentalità giusta per salvarci”.

CRESCITA – “Dobbiamo migliorare nelle ingenuità, come il contropiede per il 3 a 2. Rigore? Vorrei capire anch’io se c’è o meno. Il portiere mi dice che ha toccato la palla, non capisco perché non è andato a rivederla. Non so cosa debba fare Montipò per non fare rigore. Se devo essere onesto anche il nostro rigore è simile; se tocchi prima il pallone per me non è mai rigore”.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mondo del calcio e non solo CLICCA QUI

SVOLTA PERSONALE – “Io cerco di capire che giocatori ho e adatto il calcio ai miei elementi. Ho una squadra che può fare goal, alleno questa mentalità che può fare il miracolo di salvarci. Non mi interessa nulla di perdere le partite 1 a 0 o 2 a 0, oggi abbiamo giocato alla pari con la Roma se ti difendi dentro l’area il gol prima o poi lo prendi. Noi vogliamo comandare le partite”.

IBRA – “Non sono sorpresa di quello che sta facendo. Sta facendo faville, è un bel messaggio per tutti visto come è guarito”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

PAGELLE E TABELLINO ROMA-BENEVENTO: Pedro al top, Veretout inceppato ma si salva

Calciomercato Roma, Fonseca a rischio esonero: Allegri e Sarri in pole