Napoli, lo sfogo di Milik: “Ho scelto di andare via, ora resisterò a questa situazione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:30
Calciomercato Juventus, per Milik vecchia idea di scambio col Napoli
Milik vs Bonucci in Polonia-Italia @ Getty Images

Milik ha raccontato a ‘sportowefakty’ le ultime vicende di mercato che lo hanno visto vicino a molti club e che lo hanno portato alla rottura col Napoli 

Una lunga intervista a ‘sportowefakty’ per raccontarsi e raccontare le vicissitudini di mercato che hanno complicato il rapporto di Milik col Napoli, a tal punto da essere escluso dalle liste per campionato e Champions.

La decisione di andare via. “Il mio destino era in bilico fino alle ultime ore del mercato. Si è parlato troppo di me e non sempre si è detta la verità, ecco perché voglio fare chiarezza. Il Napoli voleva rinnovare il mio contratto e mi ha detto: firma o vieni ceduto. Ho deciso di andare altrove, di provare qualcosa di diverso. Il mio manager Pantak stava cercando una squadra. C’erano diversi interessi, ci sono stati colloqui. La pandemia ha complicato alcune cose.

Mancato accordo fra i club. “Non voglio fornire dettagli o nomi di squadre. Lo spiegherò diversamente. Affinché il trasferimento avvenga, è necessario raggiungere un accordo tra il giocatore ed entrambe le squadre. C’è stato il via libera da parte mia. I club non hanno trovato l’accordo. E sono rimasto a Napoli”.

Con la Roma. “Ho svolto le visite mediche lì, è vero, ma andava tutto bene. Il club ha anche rilasciato un annuncio su questo argomento. Tuttavia, non vorrei commentare a quale squadra ero più vicino, ma era in Italia”.

Nessuna questione di soldi. “Se il mio futuro fosse deciso da questioni finanziarie, estenderei il mio contratto col Napoli. Ho ricevuto un’offerta a condizioni molto buone, ma la carriera di un atleta è breve. Ho 26 anni, voglio crescere ed essere un calciatore migliore. Credo che questo sia il momento giusto per provare una nuova sfida. Negli ultimi mesi molte cose sono state fraintese ed esagerate”.

Napoli, Milik si sfoga: “nessuna ostilità”

Nessuna ostilità verso il Napoli. “Non c’è mai stata ostilità da parte mia verso il Napoli. Volevo risolvere tutto professionalmente. Ho un grande rispetto per la società, ho trascorso quattro anni meravigliosi a Napoli. Rispetto il Napoli, i tifosi. Ma ho deciso così. Giusto o sbagliato che sia è una mia decisione. Ai giornalisti italiani piace aggiungere un po’ di dramma a questioni semplici. Vivono il calcio, lo respirano, ne discutono tutti. In televisione, su giornali, portali, blog. Chiunque può dire quello che vuole, ma non tutte le informazioni sono corrette. Spero che dopo questa intervista i tifosi capiscano la mia prospettiva e l’intera situazione. Posso assicurarvi che da parte mia non c’è mai stata mancanza di rispetto per la società”.

Milik Roma Napoli Thauvin Siviglia
Arkadiusz Milik (Getty Images)

Separazione tranquilla. “Fin dall’inizio, ero pacifico nel separarmi in armonia. Non puoi incolpare un giocatore per non aver lasciato, dal momento che non era colpa sua. Il Napoli non ha comunicato con le squadre in cui volevo andare. Non credo che un giocatore possa essere messo da parte per diversi mesi. Non è una bella cosa”.

Fuori squadra. “L’ho scoperto dai media. Mi aspettavo una decisione del genere, ma la mancanza di comunicazione non è stata del tutto professionale. Credo di non essere stato trattato bene in fin dei conti. Ci sono anche altri giocatori nel club che non hanno rinnovato i loro contratti e per loro è tranquillo. Sono stato il capocannoniere della squadra nelle ultime due stagioni, dando sempre il cento per cento. Ho dei rimpianti? No, perché so come funziona. Soffrirò un po’ ma resisterò”.

Rapporto coi tifosi. “I tifosi del Napoli al massimo mi hanno avvicinato chiedendomi se me ne andavo davvero e dove andavo. Non ci sono state ostilità, odio o aggressività. Sfortunatamente, molte parole sono tradotte in modo impreciso dal polacco all’italiano e viceversa. Molte persone sono inoltre inconsapevoli del fatto che non tutte le informazioni fornite dai media sono vere. La gente li legge, ci crede e trae conclusioni”.

Preparazione. “Mi sento bene fisicamente, mi sono allenato molto individualmente e ci saranno anche partite della Nazionale. In tre mesi la mia forma non soffrirà molto”.

Futuro. “Vedremo dove andrò. Tutto ricomincerà dall’inizio. Sto aspettando la prossima finestra di trasferimento. Sperando che i club giungano stavolta ad un accordo”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Napoli, UFFICIALE l’esito dei nuovi tamponi

Calciomercato Napoli, Szoboszlai via a gennaio: ecco dove