Calciomercato, Di Campli attacca Totti: “Bisogna saper fare i procuratori. Non barare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:53

Donato Di Campli, procuratore abruzzese, ha commentato l’entrata nel mondo degli agenti di Francesco Totti, ex capitano e dirigente della Roma: le sue parole

Intervenuto ai microfoni de ‘Il Foglio’, Donato Di Campli, procuratore abruzzese, ha parlato dell’entrata nel mondo degli agenti di Francesco Totti, leggenda della Roma e del calcio italiano: “Grande giocatore e icona assoluta, ma fare il procuratore è un’altra cosa, bisogna saperlo fare e non barare. Non può operare in Italia dove, per agire, bisogna studiare e sostenere degli esami durissimi, mentre a lui è stata consentito l’uso della licenza inglese dal presidente del CONI”.

Francesco Totti
Francesco Totti (Getty Images)

Di Campli ha poi aggiunto: “Io che ho studiato, non potrò mai essere nella sua posizione. Non può permettersi di andare a chiamare i grandi giocatori. Inoltre, lo scenario attuale, tollera anche la licenza spagnola, per la quale bastano appena 700 euro”.

Per le ultime notizie sul calciomercato del campionato italiano di Serie A—> clicca qui!