Genoa-Inter, Conte: “Eriksen ormai è inserito. Europa League? Rischiamo di arrivare stanchi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:49

Le dichiarazioni dell’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, alla vigilia della trasferta sul campo del Genoa

È già vigilia di campionato per l’Inter di Antonio Conte a meno di due giorni di distanza dal pareggio interno contro la Fiorentina. La squadra nerazzurra è in piena corsa per il secondo posto, nonostante le parole dell’allenatore ex Juventus (“i secondi sono i primi dei perdenti”). Queste le dichiarazioni del tecnico pugliese ai microfoni di ‘Inter TV’.

PERIODO – “Stiamo giocando e ci stiamo allenando a temperature molto alte, è inevitabile che tutto è stato fatto in maniera molto compressa proprio per permettere di finire questo campionato. È un’esperienza nuova che ci auguriamo tutti di non dover ripetere, anche perché finiremo quest’anno ma qualche strascico negativo si vedrà anche per l’anno prossimo”.

TURNOVER – “Se c’è una squalifica o un infortunio sei obbligato a fare rotazioni o sostituzioni. Soprattutto in questa parte finale in cui si è accumulata un po’ di fatica e i ritmi sono elevati è inevitabile cercare di fare delle rotazioni e alternare dei giocatori. Il fatto di fare grande attenzione accomuna un po’ tutti ora. Bisogna cercare di preparare la partita tatticamente cercando di vedere dove puoi fare male e dove ti possono fare male, nel minor tempo possibile e cercando di alleggerire il più possibile i carichi durante l’allenamento”.

ERIKSEN – “Ormai è inserito, lui sta cercando di dare il suo meglio e noi stiamo cercando di metterlo nelle migliori condizioni perché è al centro del gioco. In fase di non possesso ha libertà di muoversi dietro le punte, di attaccare lo spazio, di andare a ricevere il pallone, può fare quello che vuole, deve continuare a lavorare in maniera seria e costante come sta facendo”.

EUROPA LEAGUE – “Napoli e Atalanta? Noi ci giochiamo la partita il 5 agosto, loro avranno alcuni giorni in più per recuperare e dare un giusto riposo ai giocatori per prepararsi al meglio. Arriviamo in corsa, finiamo tirati e giocheremo l’Europa League continuando questo percorso abbastanza carico a livello lavorativo, fisico e mentale”.