Classifica senza VAR: Juventus a 2 punti dallo Scudetto | Inter ancora seconda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56

Nella graduatoria di Serie A senza supporto tv Milan e Roma sono a 3 punti dalla Lazio quarta. Sampdoria terzultima

Nuovo appuntamento con la classifica senza Var, rubrica ideata da Calciomercato.it che mette a confronto la graduatoria reale di Serie A con una ipotetica, realizzata non tenendo conto delle decisioni cambiate con la video assistenza. Nella 35esima giornata di campionato, ci sono stati molti episodi che hanno costretto i direttori di gara a giudicare diversamente dopo aver visto il monitor a bordocampo. Nell’anticipo tra Sassuolo e Milan, a Pairetto era sfuggito il fallo di mano di Calhanoglu che ha portato al rigore per i neroverdi, mentre Giua in Parma-Napoli ‘scopre’ che il tocco di braccio di Grassi è in area e quindi da penalty. Rigore col Var anche per il Verona contro il Torino: l’On Field Review fa notare a Valeri la gomitata di Nkoulou a Borini. Nel derby tra Samp e Genoa, Guida annulla il gol di Lerager per fuorigioco, mentre Manganiello convalida quello di Kalinic in Spal-Roma: non c’è offside.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, trentaseiesima giornata: gli arbitri delle gare di sabato

Serie A, 35esimo turno: risultati e classifica senza Var

Classifica Senza Var (Getty Images)

Atalanta-Bologna 1-0
Sassuolo-Milan 0-2
Parma-Napoli 2-0
Inter-Fiorentina 0-0
Lecce-Brescia 3-1
Sampdoria-Genoa 1-3 
Spal-Roma 1-5
Torino-Verona 1-0 
Udinese-Juventus 2-1
Lazio-Cagliari 2-1

CLASSIFICA REALE: Juventus punti 80, Atalanta 74, Inter 73, Lazio 72, Roma 61, Milan 59, Napoli 56, Sassuolo 48, Verona 46, Bologna 43, Parma 43, Fiorentina 43, Cagliari 42, Sampdoria 41, Udinese 39, Torino 38, Genoa 36, Lecce 32, Brescia 24, Spal 19.

CLASSIFICA SENZA VAR: Juventus punti 78, Inter 71, Atalanta 70, Lazio 68, Milan 65, Roma 65, Napoli 57, Sassuolo 48, Udinese 48, Bologna 47, Verona 45, Parma 44, Torino 42, Cagliari 39, Fiorentina 38, Lecce 37, Genoa 35, Sampdoria 34, Brescia 24, Spal 17.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, diritti Tv | Nuovo summit: tre le soluzioni