Serie A, brutta sorpresa: la quarantena non cambia (ancora)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:09

Dal Cts nessun cambiamento della norma sulla quarantena per le squadre di Serie A: serve un intervento del Governo, i dettagli 

Un giallo in piena regola ad appena tre giorni dal ritorno della Serie A. La quarantena ammorbidita che ‘salverebbe’ di fatto la stagione anche in caso di positività di un calciatore non è ancora effettiva. Il motivo è da ricercare nel verbale del Comitato Tecnico Scientifico in cui si ribadisce che “qualora anche un solo membro dell’equipe risulti positivo al test molecolare, tutti gli altri componenti del gruppo dovranno da quel momento, per ovvie ragioni di prevenzione epidemica, essere oggetto delle misure che valgono per ogni persona residente nel Paese”.

LEGGI ANCHE >>> Serie A e partite in chiaro, la proposta in assemblea di Lega

Il CTS ha aperto alla possibilità di evitare l’isolamento di tutta la squadra con tamponi effettuati il giorno della partita, ma perché diventi la prassi c’è la necessità di un intervento governativo. Questa nuova versione della quarantena, infatti, sarebbe incompatibile con il decreto legge del 16 maggio che è attualmente in vigore. Un problema non di poco conto quindi che soltanto un intervento dell’esecutivo potrà risolvere.