Coronavirus, la Serie A studia la ripartenza | Le ultime di Cm.it

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:23

Le ultime indiscrezioni di Calciomercato.it sul ritorno in campo

CORONAVIRUS RIPRESA CAMPIONATI SERIE A/ Il calcio italiano punta all'obiettivo di ripartire, il disastro economico e legale di una stagione non completata rende impossibile adottare i provvedimenti di basket, volley e rugby. Oggi si è riunita per la prima volta la commissione medico-scientifica della FIGC che per fronteggiare il coronavirus si e' rivolta anche ad affermati infettivologi di fama mondiale: da Cauda della Cattolica a Ricciardi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, da Fantoni del Policlinico Gemelli a Vala, direttore sanitario dello Spallanzani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Serie A, ESCLUSIVO Calcagno (AIC): “Taglio stipendi? È una provocazione! Brutta figura dei presidenti”

Secondo le indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it, la data nel mirino e' il 4 maggio per far ripartire gli allenamenti con le partite di campionato che potrebbero tornare nell'ultima decade dello stesso mese. Il percorso, però, e' ancora complesso, la Commissione si riunirà nuovamente martedì per approfondire alcune criticità. Gli esperti suggeriscono di ripartire con le squadre in ritiro in luoghi sanificati ma vari club di Serie A non hanno questa possibilità, si pensa ad alberghi in cui svolgere la stessa funzione e che al momento potrebbero essere chiusi. La ripresa degli allenamenti deve avvenire in maniera graduale, molte società si stanno attrezzando in modo da essere pronte per ripartire. Gli staff medici di molti club si stanno procurando per realizzare accordi con i laboratori per i tamponi ma per facilitare gli esami a livello organizzativo si punta sui test rapidi che sono già sul mercato per cui s'attende l'autorizzazione dell'Istituto Superiore della Sanità. Per le ultime notizie—> clicca qui!

Si tratta delle stesse criticità che il sistema Italia dovrà risolvere per garantire l'accesso alle fabbriche e la riapertura di tanti luoghi di lavoro. Le strutture mediche per i laboratori sono oberate di lavoro e l'idea di ottenere ogni quattro giorni i tamponi per i calciatori rischia di essere molto complicata soprattutto per le società di B e C visto che c'e' bisogno di conoscere l'esito in pochissimo tempo. Martedì i dettagli saranno approfonditi, la commissione presieduta dal Prof. Zeppilli elaborerà nelle prossime settimane un documento che farà da guida al calcio italiano per il suo “nuovo inizio” post coronavirus.