Milan, boom Theo Hernandez: “innamorato” dei rossoneri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:32

Il terzino non pensa a lasciare il club: “Chi non gioca con piacere qui non sa cos’è il calcio”

CALCIOMERCATO MILAN THEO HERNANDEZ / Una stagione da urlo, Theo Hernandez è certamente una delle più belle rivelazioni del campionato. Arrivato tra lo scetticismo generale, il terzino francese ha conquistato subito il Milan e i suoi tifosi, diventandone un vero e proprio idolo. Il calciatore in 21 partite, tra Serie A e Coppa Italia, ha messo a segno ben sei gol e due assist. Numeri che parlano che chiaro ma che non sono tutto: Theo è infatti un punto di riferimento costante per i compagni, consapevoli che l'ex Real Sociedad può tirare dal nulla il coniglio dal cilindro. Una vera arma in più che ha fatto lievitare il suo valore, già superiore ai 60 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >> Calciomercato Milan, obiettivo Zaracho | Racing fissa il prezzo

Paolo Maldini ha dunque scelto bene la scorsa estate e si gode il 'suo' calciatore che gioca nel ruolo in cui è diventato leggenda. Le grandi d'Europa stanno seguendo la crescita di Theo Hernandez con attenzione ma come ammesso poche settimane fa dal suo agente, il calciatore non si muoverà dal Milan. Concetto che ha lasciato intendere anche lo stesso terzino, durante il Q&A su Twitter: “Questa maglia richiede grande serietà e determinazione, sempre! Chi non gioca con piacere nel Milan non sa cos'è il calcio. I rossoneri sono un club enorme, fin da quando sono nato. I suoi colori fanno innamorare”.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mondo rossonero CLICCA QUI

Milan, Theo Hernandez: “Maldini uno specchio in cui guardare”

LEGGI ANCHE >> Calciomercato Serie A, da Sarri a Pioli e Gattuso | Panchine in bilico

Theo Hernandez è arrivato in Italia, al Milan, grazie a Paolo Maldini, un vero e proprio idolo: “Mi ha scelto ma non c'è alcuna pressione – prosegue il francese – solo orgoglio e responsabilità. Maldini è uno specchio in cui guardare. Giocare sullo stesso campo in cui giocava lui è una grande motivazione per fare del mio meglio. Ruolo di terzino? Mi trovo a mio agio ho la possibilità di andare in avanti. Giocherei in qualsiasi posizione per aiutare la mia squadra”.

LA SPAGNA E' IL PASSATO – “La Liga e la Serie A sono campionati molto diversi, ma c'è tanta competitività e intensità, il livello è alto. Il Milan e il Real sono i due club più grandi, i re della Champions League. Per me è il massimo aver indossato queste due maglie”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

VIDEO CM.IT – Juventus, l'ombra di Guardiola e Allegri! Milan: tecnico da Champions

Coppa Italia, gli arbitri per Inter-Napoli e Milan-Juventus