PAGELLE E TABELLINO INTER-GENOA: Lukaku mostruoso, incubo Romero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:10

L’attaccante belga scatenato nel poker rifilato dai nerazzurri ai ‘Grifoni’ dell’ex Thiago Motta

INTER GENOA PAGELLE TABELLINO / L'Inter asfalta il Genoa nell'anticipo di campionato, raggiungendo la Juventus in testa alla classifica. La squadra di Antonio Conte chiude il 2019 nel migliore deiu modi, trascinata da un Lukaku straripante e indomabile per la difesa ospite. Superba doppietta per il centravanti belga, che serve a Gagliardini anche l'assist del 2-0. Il baby Esposito non tradisce le attese e all'esordio in A da titolare realizza dal dischetto il suo primo nella massima serie. Brilla anche Candreva tra i nerazzurri, mentre nelle fila genoane di un sempre più pericolante Thiago Motta si salvano solo Radu e Sanabria. Pomeriggio disastroso per Romero: incubo Lukaku per il difensore di proprietà della Juve.

INTER

Handanovic 6,5 – Primo tempo da spettatore. Nella ripresa abbassa la saracinesca su Sanabria.

Skriniar 7 – Più a suo agio sul centrodestra. Tiene a bada un avversario scomodo come Sanabria.

De Vrij 7 – Solita sicurezza: lascia le briciole agli attaccanti avversari. Si conferma il leader della difesa interista.

Bastoni 7 – Fa buona guardia, risponde presente alla chiamata di Conte. Non fa rimpiangere Godin.

Candreva 7,5 – Imprendibile sulla corsia di competenza, una chicca l'assist al bacio per il vantaggio di Lukaku. Sempre più determinante nello scacchiere contiano. (74' Lazaro 5,5 – Svagato, per poco non manda in gol Favilli).

Vecino 6,5 – Il meno appariscente a metà campo. Più vivace nel secondo tempo.

Borja Valero 7 – Gioistra bene davanti la difesa, detta i tempi alla squadra con qualità. 

Gagliardini 7,5 – il Genoa gli porta bene, una delle migliori partite in maglia nerazzurra. Realizza la rete del raddoppio con un potente destro da fuori, con i suoi inserimenti è sempre una minaccia. Si guadagna il penalty del 3-0. Merita gli applausi di 'San Siro' (71' Sensi 6 – Riprende confidenza con il campo dopo il lungo stop).

Biraghi 7 – Puntuale a sinistra, sforna dei cross interessanti. Spinge e difende con costrutto (78' Dimarco s.v.).

Esposito 7,5 – E' una trottola impazzita, non si ferma mai. Non dà punti di riferimento, crea spazi per i compagni. Lukaku gli lascia il rigore del 3-0 e il baby gioiello non lo tradisce, firmando la prima rete in Serie A all'esordio da titolare.

Lukaku 9 – Mostruoso, non ci sono altri aggettivi. Fa ammattire Romero e tutta la difesa genoana. Apre le marcature di testa, serve l'assist per il 2-0 di Gagliardini. Il secondo gol personale è un gioiello di forza e tecnica. Lascia il rigore ad Esposito: 'San Siro' è ai suoi piedi.

Allenatore: Conte 8 – Inter bella e concreta, che si mangia in un solo boccone il Genoa. Supera brillantemente l'emergenza tra infortuni e squalifiche. In panchina è il solito condottiero, galvanizza i suoi ad ogni tocco palla. Il pubblico apprezza e invoca a più riprese il suo nome: feeling totale. La Juventus è avvertita…

GENOA

Radu 6,5 – Non ha responsabilità sulle marcature interiste. Anzi: evita un passivo ben peggiore.

Ghiglione 5,5 – Lascia campo a Biraghi, migliora nella ripresa.

Romero 4 – Disastroso, Lukaku è il suo incubo. Il belga lo mette ko e anche palla al piede combina danni. 

Biraschi 5 – Anche lui patisce la fisicità di Lukaku e la vivacità di Esposito. 

Criscito 5 – Candreva fa quello che vuole sulla destra. Pomeriggio da dimenticare.

Jagiello 5 – Patisce l'esordio in Serie A dal primo minuto. Troppo timido nella lotta. (62' Rovella 6 – Esordio in Serie A per il giovanissimo classe 2001).

Radovanovic 5,5 – Cerca di mettere ordine in mediana: ci riesce a fasi alterne.

Cassata 5 – Sbaglia diversi appoggi, fatica a tenere il passo dei dirimpettai nerazzurri.

Agudelo 5 – Nel primo tempo è l'unico che ci prova nel Genoa. Sbadato nell'intervento su Gagliardini che provoca il rigore del 3-0.

Sanabria 6 – Nella prima parte non si vede, è spento. Si accende a giochi quasi fatti: mette a dura prova Handanovic in un paio di circostanze (75' Cleonise s.v.).

Pinamonti 5,5 – Lavora più per la squadra, alcune sponde non vengono sfruttate dai compagni. Non punge però dalle parti di Handanovic (71' Favilli 6 – Almeno ci prova).

Allenatore: Thiago Motta 4,5 – Genoa mai in partita, senza identità e che fa il solletico all'Inter. L'esonero sembra davvero dietro l'angolo. Unica magra consolazione gli applausi di 'San Siro'.

Arbitro: Pairetto 6,5 – Gara senza problemi, vede bene sul rigore concesso per l'intervento falloso di Agudelo su Gagliardini.

TABELLINO

Inter-Genoa 4-0 – 30' e 71' Lukaku; 32' Gagliardini; 64' Esposito

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Candreva (75' Lazaro), Vecino, Borja Valero, Gagliardini (72' Sensi), Biraghi (78' Dimarco); Esposito, Lukaku. Allenatore: Conte. A disposizione: Padelli, Berni, Godin, Ranocchia, Politano, Agoume, D'Ambrosio

Genoa (4-3-1-1): Radu; Ghiglione, Romero, Biraschi, Criscito; Jagiello (62' Rovello), Radovanovic, Cassata, Agudelo; Sanabria (75' Cleonise), Pinamonti (72' Favilli). Allenatore: Thiago Motta. A disposizione: Marchetti, Jandrei, Goldaniga, El Yamiq, Schöne, Sturaro Ankersen, Pajac

Arbitro: Pairetto (sez. Torino)

VAR: Di Bello

Ammoniti: Cassata (G), Romero (G), Bastoni (I), Agudelo (G), Favilli (G)

Espulsi:

Note: 0' e 0' recupero; spettatori 57.490