Champions League, Inter-Barcellona 1-2: nerazzurri fuori, sarà Europa League

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:56

La squadra di Conte non riesce nell’impresa e viene eliminata: va avanti il Borussia Dortmund

CHAMPIONS LEAGUE INTER BARCELLONA / Non riesce l'impresa all'Inter. A 'San Siro', nella notte del record di spettatori e incasso contro il Barcellona – orfano di Messi e di altri campioni, la squadra di Conte si infrange sui tanti errori. I nerazzurri sono carichi, ma già al 23' arriva la doccia fredda con il vantaggio blaugrana. A firmarlo è Perez, l'Inter accusa molto il colpo, rischia di capitolare e sbaglia tantissimo. I padroni di casa, però, restano in piedi e soprattutto in partita. Sul finire del primo tempo, al 44', arriva il tanto sospirato pareggio con un bel sinistro da fuori di Lukaku, aiutato da una deviazione.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

I nerazzurri ritrovano vigore e nel secondo tempo la partita cambia. Gli uomini di Conte creano tantissime occasioni da gol, Lautaro Martinez corre, lotta e inventa. Lukaku, invece, ha sulla coscienza almeno due occasioni clamorose davanti alla porta, in particolare quella in cui si è ritrovato a colpire a tu per tu con Neto. Il belga, però, tira addosso al portiere ex Fiorentina e Valencia. Poi ci si mette anche la sfortuna, con Lautaro che segna due volte ma entrambe annullate per fuorigioco. Nonostante il forcing finale e il ruggito di 'San Siro', l'Inter non riesce ad andare di nuovo in gol e, anzi, subisce un'altra doccia gelata. All'87 il giovanissimo Ansu Fati, appena entrato in campo, batte Handanovic e regala i tre punti al Barcellona. Dalla Germania non arriva il miracolo, perché il Borussia Dortmund fa il suo dovere e batte 2-1 lo Slavia Praga: i tedeschi passano agli ottavi di finale come secondi del girone dietro ai blaugrana. L'Inter resta a 7 punti e finisce terza il girone, retrocedendo in Europa League. Resta il rammarico di una partita con tantissime occasioni sprecate.