Calciomercato Juventus, dalla Serie A all’Argentina: è sempre Higuain-Icardi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:31

I cammini dei due attaccanti continuano a incrociarsi. Marotta punta al gran colpo dell’estate

CALCIOMERCATO JUVENTUS INTER HIGUAIN ICARDI / I cammini di Gonzalo Higuain e Mauro Icardi continuano a incrociarsi, dal campionato alla Nazionale. Nel 2013 De Laurentiis valutò entrambi come possibili nuovi innesti del suo Napoli. Tutto fatto per Icardi in azzurro, o così sembrava, ma infine la punta argentina scelse l'Inter. Da allora sono trascorse cinque stagioni, con il 'Pipita' trasferitosi alla Juventus nel calciomercato di due anni fa, mentre Maurito è divenuto il capitano dell'Inter. Cinque anni li dividono, con il bianconero che nell'ultima annata ha messo a segno 23 reti in 50 gare disputate, mentre il nerazzurro ha esultato 29 volte, in un totale di soli 36 match.

Una macchina da gol l'Icardi che Spalletti vorrebbe continuare a vedere all'opera a San Siro, evitando sacrifici nel prossimo calciomercato Inter. La punta nerazzurra ricorda l'Higuain visto all'opera con Sarri, che la Juventus aveva acquistato per trionfare in Europa. Dopo due anni però, potrebbe essere giunto il momento di cambiare qualcosa lì davanti.

Calciomercato Inter, Icardi nel mirino di Marotta

Marotta guarda nuovamente in serie A per rafforzare la rosa di Allegri nel prossimo calciomercato Juventus. Negli anni scorsi ha portato a Torino sia Pjanic che Higuain, strappandoli alle proprie dirette concorrenti. L'amore con il 'Pipita' sembra però essere durato poco, con la 'Vecchia Signora' pronta a puntare tutto su un modello più giovane. Come fatto con l'ex Napoli, i tifosi bianconeri dimenticherebbero presto il passato a Milano di Icardi, che potrebbe così instaurare un nuovo rapporto con i supporter. Higuain ha fatto molto bene a Torino, ma un ricambio generazionale risulta necessario. Marotta ha avviato i primi contatti, gettando le basi per quella che potrebbe essere la trattativa dell'estate.

Impossibile far convivere i due attaccanti nella stessa squadra, ed ecco dunque la prima formula d'accordo proposta all'Inter: Gonzalo Higuain più 50 milioni di euro. Un'ipotesi che prevede una valutazione da 60 milioni per il classe '87. Un totale di 110 milioni di euro, ovvero la cifra imposta dai nerazzurri per la clausola rescissoria di Icardi, valida unicamente per l'estero. La possibilità di strappare la punta a Spalletti senza dover contrattare con l'Inter è qualcosa che alletta la dirigenza bianconera. Per Higuain non è comunque da scartare nemmeno l'ipotesi di una cessione all'estero, allettato dall'idea di ritrovare Sarri al Chelsea. Per riuscire a strutturare questo tipo di trattativa lampo, pare che Marotta abbia contattato uno studio legale, come riportato dal 'Corriere della Sera', al fine di analizzare la clausola e scovarne un'eventuale scappatoia.

Argentina, è sempre sfida tra Higuain e Icardi

Che venga inserito in uno scambio con il Psg per portare Cavani in bianconero, o con il Chelsea, per riportare Morata a Torino, il cammino di Gonzalo Higuain alla Juventus sembra essere giunto al termine. Tante le voci sul suo futuro, con la possibilità di mettersi in mostra alla prossima Coppa del Mondo, chiarendo di avere ancora molto da offrire in area di rigore, nonostante i 30 anni compiuti. Almeno in Nazionale, Higuain può avere certezza del proprio posto. Il ct della Nazionale Albiceleste Sampaoli ha escluso Icardi dopo alcune prove nei mesi passati, e così, almeno per ora, i cammini dei due attaccanti potrebbero incrociarsi unicamente in Serie A. Non sono bastati i 29 gol stagionali e la comprovata fame da gol. Non si placano le polemiche sul suo nome in Argentina, nate insieme con la relazione con Wanda Nara.

Le parole di Maradona (e non solo) hanno di certo avuto un peso in merito, ma la decisione finale è spettata a Sampaoli, che ha deciso di escludere quello che secondo molti è attualmente la miglior prima punta argentina in circolazione. Discussioni da bar giunte fino ai vertici della Nazionale argentina, con Borja Valero che negli ultimi giorni ha ben espresso il pensiero di tutti: “L'esclusione di Icardi colpisce tutti, ma in questo sport i pregiudizi, a volte, hanno un peso importante, consentendo ad altri di andare avanti. Se l'Argentina non convoca Icardi, peggio per loro”.