Roma, Monchi su Alisson: “Per cessione serve offerta e voglia di andare via”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:47

Il direttore sportivo giallorosso durante la consegna del premio Football Leader

ROMA MONCHI / Ricevendo il premio 'Football Leader' come miglior dirigente dell'anno, il direttore sportivo della Roma Monchi ha rilasciato alcune dichiarazioni. Dall'approdo in Italia alla cavalcata in Champions, passando per il futuro di Alisson che il dirigente giallorosso vede ancora nella Capitale. 

“È La prima volta che lavoro lontano dalla Spagna, da casa mia, ma ho fatto la scelta giusta, in un momento particolare della mia vita e della mia carriera – le parole di Monchi riportate dall'inviato di Calciomercato.it – È stato un anno difficile ma mi sento bene qui in Italia e soprattutto a Roma. Sono orgoglioso di essere qui oggi. Condivido il premio con la mia famiglia, con il mio staff e con chi mi ha preceduto. Sabatini mi ha facilitato le cose con il suo lavoro. La Champions? Credo che per la società sia stato bellissimo arrivare fino alla semifinale. Per il sogno c’è mancato qualcosa, all’andata ci siamo condannati. Ma se al primo anno rischiamo una finale di Champions, significa che il secondo anno possiamo migliorare ancora”.

Su Alisson, Monchi è chiaro: “Quando un calciatore parte è perché c'è un’offerta e la voglia del calciatore di andare via. Non abbiamo una né l’altra. Il ragazzo è contento a Roma e noi siamo contenti con lui”.