PAGELLE E TABELLINO DI SPAL-SAMPDORIA: Antenucci da sogno, è salvezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:05

Voti e giudizi del match della 38esima giornata di Serie A: la doppietta del capitano biancazzurro e il gol di Grassi regalano la salvezza alla squadra di Semplici

PAGELLE TABELLINO SPAL-SAMPDORIA / La Spal non fallisce la sfida contro la Sampdoria e centra una meritatissima salvezza. Ancora una volta decisivo Antenucci, autore della doppietta che trascina i padroni di casa. In gol anche Grassi. Flop Caprari, espulso dopo solo 30 minuti.

SPAL 

Gomis 6 – Si disimpegna con grande lucidità nelle poche volte in cui è chiamato in causa. Non può nulla sulla buona conclusione al volo di Kownacki.

Simic 6 – Sempre ben piazzato e attento in marcatura. Dominante anche nel gioco aereo. 

Vicari 6,5 – Guida la difesa con grande attenzione ed autorevolezza. A facilitargli ulteriormente il compito ci pensa poi Caprari.

Felipe 6,5 – È il leader indiscusso della retroguardia biancazzurra e trasmette grande sicurezza e fiducia ai propri compagni di reparto. Non si ricordano suoi errori. 

Lazzari 6 – È piuttosto nervoso e meno incisivo del solito sull'out di destra. La sua spinta, però, non manca mai. Dal 58' Costa 6 – Entra e garantisce maggiore freschezza e copertura ai suoi. 

Grassi 7 – Gara di grande corsa e sostanza per il centrocampista classe 1995, impreziosita dal gol del momentaneo 2-0. Pregevole l'inserimento in area di rigore ed il colpo di testa con cui trafigge Belec.

Viviani 7 – C'è la sua firma in tutti e tre i gol dei padroni di casa. Si procura il calcio di rigore che spiana la strada ai suoi e confeziona due assist per Grassi e Antenucci. Dal 78' Schiattarella s.v. 

Kurtic 6 – Meno coinvolto rispetto ai suoi compagni di reparto, ma comunque efficace in entrambe le fasi di gioco. Una sicurezza. 

Mattiello 6,5 – Non garantisce la spinta di Lazzari, ma compie un'ottima prestazione difensiva senza commettere sbavature.

Antenucci 7,5 – Non poteva che concludersi con una doppietta la sua indimenticabile stagione anche dal punto di vista personale. Trasforma con grande freddezza il rigore che sblocca il match e chiude definitivamente i conti con un destro che non lascia scampo a Belec. Epilogo da sogno. 

Paloschi 6,5 – Lotta e si sacrifica per i propri compagni compiendo un ottimo lavoro di sponda. Al resto pensa Antenucci. 

All. Semplici 7 – Si conclude nel migliore dei modi un'annata che sarà ricordata a lungo in casa biancazzurra. La salvezza, così come la vittoria ottenuta contro la Sampdoria, è più che meritata.

 

SAMPDORIA 

Belec 6 – È esente da colpe nei tre gol spallini e limita i danni compiendo un paio di ottime parate. 

Bereszynski 5 – Non è mai in partita ed in costante affanno in entrambe le fasi di gioco. Gara da dimenticare.

Andersen 5 – Soffre tremendamente la maggiore vivacità di Antenucci, una vera e propria spina nel fianco della retroguardia blucerchiata. 

Regini 5,5 – Uno degli ultimi a mollare. Nel primo tempo compie anche un provvidenziale salvataggio nella propria area di rigore. 

Murru 5,5 – Piuttosto vivace e propositivo in avvio, ma nella ripresa finisce per scomparire dal match. 

Linetty 5,5 – Fatica ad entrare in partita ed è poco coinvolto dai propri compagni. È spesso in ritardo sul diretto avversario e costretto al fallo.

Capezzi 5 – Non riesce a guidare la manovra blucerchiata ed è spesso avulso dal gioco. Gara piuttosto sottotono. Dal 80' Verre s.v.

Praet 5 – Sbaglia numerose giocate e commette una serie di imprecisioni non da lui. Senza dubbio una delle sue peggiori versioni stagionali.

Ramirez 5 – Non è mai pericoloso ed incisivo tra le linee avversarie e la manovra blucerchiata ne risente. Dal 46' Quagliarella 5,5 – Entra nel peggior momento dei suoi e nemmeno lui riesce a cambiare le sorti del match. 

Kownacki 6 – Di gran lunga il migliore dei suoi. È l'unico a tentare qualche soluzione per impensierire Gomis ed a trovare la via del gol con un pregevole destro al volo. 

Caprari 4,5 – Termina nel peggiore dei modi la sua altalenante stagione in maglia blucerchiata. Prima causa il calcio di rigore che spiana la strada ai padroni di casa, poi interviene con il piede a martello lasciando in inferiorità numerica i suoi per più di 60 minuti.

All. Giampaolo 5 – Una sconfitta che non vanifica l'ottima stagione blucerchiata, terminata però nel peggiore dei modi. 

 

Arbitro: Di Bello 6 – Il VAR conferma la sua decisione di assegnare il calcio di rigore in favore della Spal. Rimangono però i dubbi: il tocco non è in discussione, ma il braccio di Caprari è attaccato al corpo. Non ci sono invece dubbi sul secondo cartellino giallo estratto ai danni dell'attaccante blucerchiato, piuttosto ingenuo nell'intervenire con il piede a martello. 

 

TABELLINO 

SPAL-SAMPDORIA 3-1

Spal (3-5-2): Gomis; Simic, Vicari, Felipe; Lazzari (58' Costa), Grassi, Viviani (78' Schiattarella), Kurtic, Mattiello; Antenucci, Paloschi. A disp.: Poluzzi, Marchegiani, Vaisanen, Konate, Dramé, Schiavon, Russo, Bonazzoli, Vitale, Floccari. All.: Semplici.

Sampdoria (4-3-1-2): Belec; Bereszynski, Andersen, Regini, Murru; Linetty, Capezzi, Praet; Ramirez; Kownacki, Caprari. A disp.: Krapikas, Tozzo, Alvarez, Ferrari, Strinic, Verre, Silvestre, Quagliarella, Torreira. All.: Giampaolo.

Arbitro: Marco Di Bello (Sez. di Brindisi)

Marcatori: 4', 52' Antenucci (Sp), 50' Grassi (Sp), 66' Kownacki (Sa)

Ammoniti: 2' Caprari (Sa), 45' Linetty (Sa), 74' Quagliarella (Sa), 76' Viviani (Sp)

Espulsi: 33' Caprari (Sa)

 

Enrico Pecci