Calciomercato, Raiola: “Due club su Balotelli. E Kean…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:24

Parla il super procuratore italo-olandese: “Higuain? Non li avrei mai spesi quei soldi per prenderlo”

CALCIOMERCATO RAIOLA BALOTELLI KEAN / Nel mondo di Mino Raiola. Il 'Corriere dello Sport' oggi in edicola propone una lunga intervista al super procuratore italo-olandese, che si 'candida' come ministro dello sport per rivoluzionare lo sport italiano e poi si sofferma sulle voci di calciomercato e sul futuro di due suoi assistiti. “Balotelli si fida di me – esordisce Raiola – Il suo rendimento nel Nizza è stato positivo, però Mario deve dare molto di più perché ne ha la possibilità. Io sono esigente e lui lo sa. Al tempo stesso, sono felice di vederlo molto responsabilizzato dal suo ruolo di padre. Resterà al Nizza? Vedremo. Piace molto a Borussia Dortmund e Marsiglia“. Poi un passaggio su Moise Kean, gioiello classe 2000 già al centro delle voci di calciomercato Juventus: “Il gol di Bologna non mi ha meravigliato. Moise diventerà un vero fenomeno. Ha 17 anni e, alla sua età, ne ho visti pochi così forti come lui. D'accordo con la Juve, stabiliremo come regolarci per la prossima stagione. In questa, Kean ha saltaveccato fra la Primavera, le nazionali giovanili e la prima squadra:per continuare a crescere, ha bisogno di giocare con grande continuità. A meno che non venga trapiantato in pianta stabile in prima squadra. C'è anche un'altra ipotesi: un anno in prestito in Olanda, in un campionato che continua a migliorare quanto a tasso tecnico. Tatticamente la scuola arancione è di prim'ordine”.

Juventus, Raiola: “Non avrei speso quei soldi per Higuain”

Restando in casa Juventus, Raiola parla poi dell'affare Higuain: “Io non avrei mai comprato l'argentino per una somma simile. Invece, alla fine, ha avuto ragione la Juve: grazie anche ai gol di Higuain, ha vinto il sesto scudetto consecutivo, la terza Coppa Italia di fila ed è arrivata alla seconda finale di Champions nelle ultime tre edizioni. Per sovrammercato, ha pure indebolito il Napoli che gioca sì un calcio meraviglioso, ma dove sarebbe arrivato se avesse tenuto Higuain? Mandzukic, invece, è il giocatore che io prenderei subito. Nella Juve ha fatto un salto di qualità eccezionale: è diventato stabilmente un top player di livello internazionale”.