Juventus-Real Madrid, Higuain-Tevez: sarà sfida a distanza in finale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:44

Tante pressione sulle spalle della punta argentina. A Cardiff dovrà gettarsi il passato alle spalle

JUVENTUS CHAMPIONS LEAGUE HIGUAIN TEVEZ / La Juventus si ritrova lì dov'era due anni fa, con lo scudetto in tasca, così come la Coppa Italia, pronta a cimentarsi nel clima della finale di Champions League. Allora c'era il Barcellona ad attendere Allegri e i suoi, battuto in quest'edizione a due passi da Cardiff. Stavolta invece l'ultimo atto vedrà i bianconeri contro il Real Madrid, nella speranza che stavolta in Spagna nessuno possa esultare. 

Quest'oggi Zidane ha tenuto la conferenza stampa di rito, commentando anche le ultime news Juventus, ribadendo come in finale ci siano le due squadre migliori. La Juventus ha la miglior difesa del torneo e il Real Madrid fa dell'attacco il proprio punto di forza. Due modi differenti d'intendere il calcio che, a dire del tecnico francese, poco conteranno in una gara secca come quella di Cardiff. Nella sera di sabato sarà tutto diverso rispetto al resto del cammino europeo. Certe regole, schemi e statistiche avranno davvero poco a che fare col campo.

Se è vero che la retroguardia di Allegri è fenomenale, è impossibile non sottolineare la forza del reparto offensivo, con Higuain osservato speciale. Da Dybala infatti ci si attende un lampo da un momento all'altro, mentre Mandzukic faticherà come al solito, lottando su ogni pallone. A Higuain è richiesta la capacità di tramutare anche una sola chance in rete. Nessun errore contro questo Real, la Juve non può permetterseli.

Juventus, ancora una finale per Higuain: non può fallire

Per arrivare nuovamente a questa fase della Champions con maggiori chance di successo, la Juventus ha pagato la ricca clausola rescissoria imposta dal Napoli per avere al proprio servizio Higuain nello scorso calciomercato. La punta argentina non ha deluso le aspettative in campionato, mettendo a segno 24 reti, con 4 assist. Otto invece i gol tra Champions League e Coppa Italia, per un totale di 32. Già superato dunque Carlos Tevez, mattatore della stagione 2014-15, che trascinò i suoi anche in Supercoppa, mancata quest'anno da Allegri, con ben due reti, senza contare 10 assist totali. 

Higuain porta con sé una triste reputazione, soprattutto con la maglia dell'Argentina, quella di non essere decisivo nei momenti chiave, soprattutto nelle finali. A Monaco ha però dimostrato il contrario, così come in Supercoppa proprio contro la Juventus. Negli occhi di molti però sono ancora vive le immagini della sfida contro la Germania al Mondiale, per non parlare della Coppa America contro il Cile. Non dovesse conquistare la 'Coppa dalle grandi orecchie', la Juventus si ritroverebbe in bacheca un nuovo 'doblete', risultato eccezionale per continuità ma che non giustificherebbe 90 milioni di rosso nei bilanci.

Luca Incoronato @_n3ssuno_