Italia, Ventura: “Se Oriali va via serve un Top. Totti…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:25

Il commissario tecnico della Nazionale ha parlato in conferenza stampa

ITALIA VENTURA / Il commissario tecnico dell'Italia Giampiero Ventura ha parlato in conferenza stampa delle ultime news Italia in vista dell'amichevole contro San Marino in programma domani. Calciomercato.it vi riporta i passaggi salienti della conferenza stampa.

Italia, le parole in conferenza stampa di Ventura 

LA PARTITA CONTRO SAN MARINO – “E' il primo piccolissimo passo proprio per sintetizzare tutto un lavoro di stage che è stato fatto in questi mesi. I più giovani quando vengono qui hanno l'abitudine a fare quello che fanno sempre, ma l'obiettivo di questi stage è fargli un armadio di tanti abiti. A provare, cioè, diversi moduli e a giocare in diversi modi. Ieri abbiamo finito di parlare a mezzanotte con i singoli giocatori e dopo aver parlato l'allenamento del giorno dopo è puntualmente migliore. Formazione? Vi dico Scuffet…”.

INFERMERIA – “Ceccherini ha qualche difficoltà, oggi non s'è allenato. Caldara ha un problemino, ma è sotto controllo, presumo che ci sia. Poi gli altri dovrebbero esserci”.

MONDIALI – “In Germania nell'anno del Mondiale iniziano il campionato ai primi di agosto, non lasciano nulla al caso. In Italia non si può fare, ne prendiamo atto, ma dobbiamo sapere che altrove lavorano in questa direzione”.

GAGLIARDINI – “Abbiamo deciso di portare Pellegrini perché Gagliardini già conosce l'ambiente e i big. Non c'è un motivo tecnico alla base di questa scelta.

MONTOLIVO – E' un professionista assolutamente serio e per la Nazionale ha lasciato due gambe: ho visto la gara a Bergamo ed è stato tra i migliori in campo e mi sentivo in dovere di dare a Montolivo la possibilità di rivivere l'esperienza Italia”.

TOTTI DOPO ORIALI – “Totti dopo Oriali? Questa è una bomba! (ride, n.d.r.) Se Oriali dovesse andare via è evidente che ci vorrà per sostituirlo un calciatore di valore assoluto, se fosse Totti sarebbe sicuramente un uomo di spessore assoluto”.