Napoli, la missione scudetto è reale: tutto parte da Dimaro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:46

In casa azzurra sono tutti convinti: l’anno prossimo si punterà al tricolore

NAPOLI RITIRO DIMARO / Sono state ufficializzate ieri le date del ritiro estivo del Napoli, che avverrà ancora una volta a Dimaro. La compagine azzurra raggiungerà per il sesto anno consecutivo la bellissima località della Val di Sole allo scopo di preparare sin da subito nei minimi dettagli la prossima stagione, che già si preannuncia come quella della verità. Ad esigerlo sono i tifosi ma anche gli stessi calciatori, i quali non stanno facendo mancare i proclami di ambizioni per una vittoria dello scudetto da centrare nel breve periodo: a motivare il Napoli in tal senso è stato Piotr Zielinski, con delle dichiarazioni ad hoc rilasciate nei giorni scorsi. Un proposito che la piazza partenopea sente di aver visto finalmente molto da vicino già in questo campionato che si concluderà domani a Genova in casa della Sampdoria e che, nonostante il concreto rischio di finire al terzo posto, ha lasciato delle ottime premesse per quello che sarà il futuro. 

Proprio l'eventualità rappresentata dal fatto di dover disputare i preliminari di Champions League ad agosto ha costretto i partenopei ad anticipare la propria partenza per il Trentino: Maurizio Sarri ed i suoi giocatori raggiungeranno Dimaro il prossimo 5 luglio per poi tornare a Castel Volturno il 25. Le news Napoli però riportano un ulteriore aggiornamento in merito: qualora la squadra dovesse infatti riuscire a centrare il secondo posto, le date cambierebbero leggermente e la preparazione estiva avverrebbe dall'8 al 27 luglio. Una ipotesi che ovviamente in casa Napoli si spera possa diventare realtà.

Napoli, a Dimaro squadra che vince non si cambia

Difatti la prossima stagione verrebbe condizionata soprattutto dal punto di vista fisico dal fatto di dover iniziare così presto per via dei preliminari, per cercare di non fallire un appuntamento talmente importante ed al tempo stesso ravvicinato. Ne sa qualcosa la Roma che ad agosto 2016 fallì clamorosamente l'accesso alla fase a gironi di Champions per mano del meno quotato Porto, e lo sa bene anche il Napoli, estromesso sempre ai playoff Champions nell'estate 2014 dal non certo favorito Athletic Bilbao. Al momento comunque il morale tra gli azzurri resta alto, in virtù del gioco che Sarri ha saputo trasmettere alla squadra unitamente a convinzioni e consapevolezza, più elevate che mai. La strategia di calciomercato incentrata in prevalenza sull'acquisizione di elementi giovani ma dal sicuro avvenire ha mostrato delle ottime premesse, ed anche per questo nel 2017/2018 si punterà a fare meglio, con la dirigenza che ha bene in mente come agire. Oltre a qualche importante innesto alla rosa in sede di campagna acquisti bisognerà trattenere tutti i migliori giocatori: ne è convinto anche Raul Albiol, tra i punti fermi del Napoli. A Dimaro il proposito è proprio quello di affidare a Sarri un gruppo con un ulteriore anno di esperienza sulle spalle, nel quale i cambiamenti in organico siano ridotti al minimo indispensabile, con una rosa ormai ben saldo come coesione tra i suoi componenti sia dal punto di vista tecnico che relazionale.

Salvatore Lavino