Breaking News
© Getty Images

Mercato Milan, Boateng e il razzismo: "Volevo andarmene, ma qui e' casa mia"

Il calciatore ghanese punta lo Scudetto e tende le mano a Allegri

CALCIOMERCATO MILAN BOATENG RAZZISMO FUTURO / ROMA - Kevin-Prince Boateng ha rilasciato un'intervista alla 'Gazzetta dello Sport', nella quale parla a 360 gradi di passato, presente e futuro:

RAZZISMO e FUTURO - "E' capitato di pensare: 'Ora basta, vado via'. Era frutto della frustrazione e dell'emozione del momento, sono davvero triste quando vedo e sento ancora cose così. Non posso e non voglio, però, cambiare aria per colpa di quattro-cinque deficienti. Qui ho trovato una fidanzata, viviamo insieme, sto bene a Milano, la definisco casa mia. Vorrei restare a lungo, ho un contratto, poi nel calcio non sai mai. Magari me ne vado domani o oggi addirittura. Scherzo, al Milan va tutto bene! I cori razzisti a Torino e la multa alla Juve? Non sta a me stabilire la punizione. Per me è importante che si sia capito che la cosa è grave, e che quei deficienti vanno fermati. Balotelli ha detto che servirebbe un Obama anche qui? Ci vedrei bene lui! (ride n.d.r.)".

CAMPIONATO - "I punti in classifica parlano chiaro: la Juve è il 'non plus ultra'. L'anno prossimo, però, ci riprendiamo lo Scudetto. Non mancheremo il terzo posto. La Champions senza Milan non è Champions".

CHAMPIONS LEAGUE - "Noi abbiamo fatto una partita quasi perfetta, all'andata. Sono gare in cui chi fa meno errori passa, poi serve anche un po' di fortuna. Martedì a Monaco l'arbitro non ha fischiato due volte, c'era un furigioco. Comunque il Bayern è davvero troppo forte quest'anno, giocano di squadra in una maniera impressionante. Ho detto, però, a mio fratello di stare attento: il Barça può fare quattro gol in casa".

ALLEGRI - "Il rapporto con lui è normale, da tre anni va sempre così: alti e bassi, ma non possono essere sempre alti. Gli sono riconoscente, grazie a lui sono cresciuto a livello difensivo e tattico. Ci abbiamo lavorato tanto. Così sono diventato il giocatore che sono adesso. Nuovi acquisti in attacco? Se l'allenatore vuol comprare un attaccante forte, che sia Lavezzi o qualcun altro, lo fa. Farà lui tanti gol, non importa se non segno io. Quello che conta è che si torni a vincere. Io l'ho detto cinquanta volte: ho una posizione preferita, ma poi gioco dove vuole il mister".

Mercato   Milan   Atalanta
Calciomercato Milan, arrivano le visite mediche di Kessié
Calciomercato Milan, arrivano le visite mediche di Kessié
Il centrocampista dell'Atalanta, cercato a lungo anche dalla Roma, ha scelto i rossoneri
Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, Montella: "Donnarumma? Ho la sua firma..."
Calciomercato Milan, Montella: "Donnarumma? Ho la sua firma..."
Il tecnico rossonero: "Delofeu potrebbe tornare. Addio Totti emozionante"
Mercato   Milan  
Calciomercato Milan, Montella verso la firma. Addio per cinque
Calciomercato Milan, Montella verso la firma. Addio per cinque
L'allenatore rossonero vicino al rinnovo del contratto fino al 2019