• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B


Calciomercato > Milan > Milan, che fine ha fatto Javi Moreno? Un 'bomber' che aveva illuso

Milan, che fine ha fatto Javi Moreno? Un 'bomber' che aveva illuso

L'attaccante spagnolo fu un colpo di Galliani, ma fece flop


Javi Moreno, Filippo Inzaghi, Andrea Pirlo e Manuel Rui Costa (©Getty Images)
Matteo Bellan (Twitter @TeoBellan)

17/04/2017 12:55

CALCIOMERCATO MILAN JAVI MORENO / La storia del Milan è fatta di grandi campioni che hanno regalato tante gioie ai tifosi e che hanno contribuito a rendere celebre il club nel mondo, ma anche di alcuni acquisti sbagliati che hanno reso molto al di sotto delle aspettative, finendo pure per fallire nella loro esperienza rossonera. Uno di questi è senza dubbio Javi Moreno, approdato a Milanello nel calciomercato estivo 2001 per 32 miliardi di lire, dopo un'annata decisamente straordinaria con l'Alaves. La squadra spagnola fu tra le sorprese di quella stagione, arrivando anche in finale di Coppa UEFA (persa contro il Liverpool. L'attaccante classe 1974 era una delle stelle di quella formazione e sulla carta rappresentò un ottimo colpo di calciomercato Milan. Però poi, le cose andarono diversamente. Ma andiamo ora a ripercorrere la carriera di questo ormai ex giocatore.

Calciomercato Milan, il flop Javi Moreno

Javi Moreno è cresciuto nel settore giovanile del Barcellona, ma non ebbe modo di approdare in Prima Squadra e dunque cominciò a fare la gavetta. Nel 1996 si trasferisce al Cordoba (15 presenze e 0 gol) e l'anno successivo al Yeclano (6 reti in 16 partite), nella Segunda Division. Come attaccante non sembra particolarmente dotato, avendo un fisico fragile, scarsa tecnica e non possedendo l'instinct killer del grande bomber. A metà stagione è l'Alaves a decidere di puntare su di lui ma il calciatore segna solo 1 gol in 10 presenze e nell'estate 1998 lo spedisce in prestito al Numancia. Proprio questo trasferimento risulterà decisivo, dato che Javi Moreno segna 18 gol in 38 presenze in campionato dimostrando di essere arrivato alla svolta della sua carriera.

Fa ritorno all'Alaves, che decide di metterlo al centro del proprio progetto e lui ripaga la fiducia realizzando complessivamente 35 gol in 80 presenze nelle due stagioni con la squadra basca. Javi Moreno trascina i compagni in Coppa UEFA, competizione di cui è protagonista nella stagione 2000/2001, con 6 reti in 8 presenze. Mette il suo zampino sia nell'eliminazione dell'Inter in semifinale e sia in finale (doppietta), persa 5-4, contro il Liverpool. 'El Raton', suo soprannome a causa del viso, dopo aver chiuso la Liga come terzo marcatore dietro Raul e Rivaldo è pronto per il grande salto. Il Milan lo riesce a strappare al Barcellona, Adriano Galliani è convinto di aver fatto un grande colpo. Però non sarà così.

Complice l'infortunio di Filippo Inzaghi, trova un po' di spazio senza riuscire tuttavia a convincere. In campionato segnerà solo 2 gol, entrambi a Venezia e finendo per provocare la curva rossonera per il poco supporto e le tante critiche. Fa anche 3 gol in Coppa UEFA e 2 alla Lazio in Coppa Italia (uno bellissimo su punizione). A fine stagione il Milan decide di venderlo: è l'Atletico Madrid a farsi avanti spendendo ben 27 miliardi per l'allora 27enne Javi Moreno. Ma anche nei 'Colchoneros' non andò bene, 5 gol in 29 partite. Nel 2004 prestito fallimentare al Bolton e poi cessione definitiva al Real Saragozza (4 gol in 18 presenze). L'attaccante ammirato nell'Alaves non esiste più, aveva illuso nella stagione 2000-2001 e poi è svanito. Per rilanciarsi deve scendere in Segunda Division e indossare nuovamente la maglia del Cordoba, con cui realizza 48 reti in 94 partite dal 2005 al 2008. Successivamente si trasferisce a Ibiza e nel 2009 chiude la carriera nel Lucena in Svizzera. Una carriera che a un certo punto sembrava potesse decollare e che invece è stata fallimentare.

Adesso Javi Moreno sta provando ad affermarsi come allenatore. Nel 2014 ha guidato il il CD Utiel, approdando poi nel 2015 al Novelda (dimissioni nel febbraio 2016). Dallo scorso 23 settembre siede sulla panchina della Squadra B dell'Agrupación Deportiva Alcorcón, militante in Tercera División spagnola. Vedremo se come tecnico saprà fare meglio di quanto fatto da giocatore.




Commenta con Facebook

.
.