• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Mancosu orgoglio di Montreal. Conte e Carrera: marcia trionfale

ITALIANS - Mancosu orgoglio di Montreal. Conte e Carrera: marcia trionfale

Le pagelle e i top/flop del fine settimana dei giocatori italiani all'estero


Matteo Mancosu ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

29/11/2016 17:07

ITALIANS - Torna su Calciomercato.it l'appuntamento settimanale con Italians: ecco le pagelle dei principali giocatori italiani all'estero e i top ed i flop dell'ultimo turno di campionato: ancora protagonista Conte, ma anche Carrera, Pasquato e Mancosu. Flop Sansone, Soriano, Prandelli e Criscito. 


ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


PREMIER LEAGUE

MATTEO DARMIAN (Manchester United): 5,5 - Non riesce a convincere in un pomeriggio storto per tutto il Manchester United. Il suo apporto è insufficiente, specialmente in fase di spinta quando la squadra nel finale prova a portare a casa la sfida col West Ham.

ANGELO OGBONNA (West Ham): 6 - Partita complicata: marcare Zlatan Ibrahimovic è compito arduo per chiunque. Nonostante alcune sviste, però, Ogbonna strappa una buona sufficienza rendendosi efficace, anche se magari non particolarmente bello da vedere. 

STEFANO OKAKA (Watford): s.v.

NON HANNO GIOCATO: Simone Zaza (West Ham), Vito Mannone (Sunderland), Fabio Borini (Sunderland).


DALLA PANCHINA:

ANTONIO CONTE (Chelsea): 7 - Altra grande prova del Chelsea di Antonio Conte che vince sul difficile campo del Tottenham. Gli 'Spurs', inoltre, si portano pure in vantaggio. L'ex Juventus rimonta la gara con Pedro e con il suo uomo di fiducia: Victor Moses. 

CLAUDIO RANIERI (Leicester): 5,5 - Altra prova poco convincente del suo Leicester che pareggia 2-2 col Middlesbrough grazie a due calci di rigore (piuttosto netti). La scusante, però, c'è tutta: le 'Foxes' venivano dalla conquista degli ottavi di finale di Champions. 

WALTER MAZZARRI (Watford): 5 - Ko inaspettato per Mazzarri e il suo Watford che cedono in casa contro lo Stoke City. Partita brutta e spigolosa, mal gestita dagli 'Hornets. Rivedibile la mancata stretta di mano al rivale Mark Hughes. 


LIGUE 1

THIAGO MOTTA (Psg): 5,5 - Ha il merito di guadagnarsi il rigore con cui il Psg sblocca la partita col Lione. Dopodiché, però, soffre la fisicità del centrocampo avversario e anche come filtro non è particolarmente efficace. 

MARCO VERRATTI (Psg): 6 - Tutto sommato sufficiente anche se non ruba l'occhio nella difficile trasferta di Lione. Perde qualche pallone sanguinoso ma in fase offensiva orchestra bene l'azione ed è il solito cervello del centrocampo. 

ANDREA RAGGI (Monaco): 5,5 - Grande vittoria per il Monaco sull'Olympique Marsiglia. Nella ripresa, però, la squadra di Rudi Garcia ha rischiato di tornare in partita bucando più volte la fascia di competenza di Raggi, apparso in difficoltà sulla sinistra. 

NON HANNO GIOCATO: Mario Balotelli (Nizza), Morgan De Sanctis (Monaco).

 

BUNDESLIGA

GIULIO DONATI (Mainz): 5 - Il suo Mainz perde in casa dell'Hertha Berlino ed in parte la colpa è anche di Donati. Disattento in marcatura, lascia troppo spesso libero Kalou che ne approfitta per propiziare entrambe le reti di Ibisevic. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 5 - Non è in serata, nonostante qualche spunto fine a sé stesso. Il Friburgo viene schiacciato dall'intensità dell'RB Lipsia che vince 4-1. L'italiano prova qualche numero dei suoi, ma da solo non riesce a combinare granché. 

NON HANNO GIOCATO: Gianluca Curci (Mainz), Luca Caldirola (Werder Brema).

DALLA PANCHINA

CARLO ANCELOTTI (Bayern Monaco): 6 - Ancelotti torna a vincere ma lo fa con grande fatica. Il 2-1 al Bayern Leverkusen mette in mostra un Bayern frenetico in attacco e vulnerabile in difesa. Thiago e Hummels mettono la parola 'fine' alla crisi, anche se le 'Aspirine' reclamano per un rigore che sarebbe stato sacrosanto. 


LIGA


ROBERTO SORIANO (Villarreal): 4,5 - Male come tutto il Villarreal, è il simbolo di una prima frazione chiusa sotto di due gol in casa contro l'Alaves. Sostituito al 46' da Cheryshev, non è riuscito in alcun modo a farsi vedere come nelle scorse giornate. 

NICOLA SANSONE (Villarreal): 5 - Male anche Sansone, che regge fino al 69' ma è poi richiamato da Escribà per far entrare Bakambu. L'ex Sassuolo infatti detta pochissimo i movimenti e non favorisce la manovra offensiva dei suoi. 

GIUSEPPE ROSSI (Celta Vigo): 5,5 - Gioca 70' senza brillare. Si muove per tutto il fronte d'attacco, uscendo anche dalla trequarti a volte per recuperare il pallone. Si vede, però, che non è al massimo e infatti non riesce ad incidere. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): 5,5 - La sua partita finisce al minuto 17 della sfida con l'Eibar. Il direttore di gara, infatti, lo espelle per un fallo da ultimo uomo su Inui. Una decisione, però, troppo severa a fronte di un contatto lieve e assolutamente non violento. 

ALBERTO BRIGNOLI (Leganés): 5,5 - Sostituisce il titolare Serantes al 30' del primo tempo. L'Espanyol segna tre gol e li incassa tutti lui. Pur senza particolari colpe non desta particolare impressione come sicurezza tra i pali e nelle uscite. Da rivedere. 

NON HANNO GIOCATO: Alessio Cerci (Atletico Madrid), Salvatore Sirigu (Siviglia), Daniele Bonera (Villarreal).

DALLA PANCHINA

CESARE PRANDELLI (Valencia): 5 - Il suo Valencia perde anche a Siviglia contro la squadra di Sampaoli. Qualche fiammata offensiva dovuta alla grande qualità davanti (Nani su tutti) ma la fase difensiva è ancora da brividi. Insufficiente. 

 

RESTO DEL MONDO

EZEQUIEL SCHELOTTO (Sporting CP): 6 - Gioca solo il primo tempo della difficile trasferta vinta con il Boavista. Viene sostituito da Joao Pereira all'intervallo. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): 4,5 - Cade lo Zenit di Mircea Lucescu. Una sconfitta rovinosa che arriva nei minuti finali della partita con il Kuban Krasnodar. Protagonista involontario anche Criscito, autore della goffa topica che porta all'1-1 dei padroni di casa. 

CRISTIAN PASQUATO (Krylya Sovetov Samara): 7 - A Samara c'è un nuovo idolo: si chiama Cristian Pasquato. Nel 3-0 al Tom Tomsk non segna ma semina il panico, fa espellere il portiere avversario e crea una infinità di occasioni, prendendo pure un palo. One man show. 

NICOLA LEALI (Olympiacos): 6 - Titolare nella partita interna con il Kerkyra. La sua squadra subisce un numero infinito di contropiede ma lui riesce sempre a cavarsela, anche se con uno stile rivedibile. Comunque efficace e sufficiente in pagella. 

GIANDOMENICO MESTO (Panathinaikos): 5,5 - Viene schierato tornante di destra del centrocampo a cinque con cui il Panathinaikos non va oltre al pari contro il Panionios. I padroni di casa lo trovano spesso impreparato sulla sua fascia ma ha anche il merito di costruire l'azione che porta all'insperato pareggio. 

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto Fc): 6,5 - Gli basta una giocata delle sue per riaprire il discorso qualificazione. Toronto sta perdendo 3-0 con Montreal ma la 'Formica Atomica' va in percussione e serve un assist delizioso ad Altidore. Partita e finale ancora alla portata. 

MARCO DONADEL (Montreal Impact): 6,5 - Cala leggermente nel secondo tempo ma gioca una gara di grande livello, specialmente in fase di schermo davanti alla difesa ma anche nel smistare i palloni che recupera. Se Montreal conquisterà la finale sarà anche merito suo. 

MATTEO MANCOSU (Montreal Impact): 7 - Altra partita da protagonista per il bomber che non ti aspetti, specialmente con un certo Didier Drogba in panchina. L'attaccante ex Bologna segna il momentaneo 2-0, dimostrandosi un killer letale in questi play-off della Mls. 

NON HANNO GIOCATO: Salvatore Bocchetti (Spartak Mosca), Luca Marrone (Zulte Waregem).

 

DALLA PANCHINA:

MASSIMO CARRERA (Spartak Mosca): 7 - Sempre più Zar. Il suo Spartak Mosca continua la marcia trionfale. 1-0 sul difficile campo del Terek Grozny e primato in classifica a +6 sullo Zenit. Impronosticabile. 

ANDREA STRAMACCIONI (Panathinaikos): 5 - Un pareggio colto all'ultimo respito contro il Panionios non può essere un risultato positivo per una squadra come il Panathinaikos. Una sola vittoria in 5 partite e troppi gol concessi. 

 

 

ITALIANS - TOP E FLOP 3 ITALIANI ALL'ESTERO

TOP

ANTONIO CONTE (Chelsea - Allenatore): 7

MASSIMO CARRERA (Spartak Mosca - Allenatore): 7,5

MATTEO MANCOSU (Montreal Impact): 7


FLOP

CESARE PRANDELLI (Valencia - Allenatore): 5

ROBERTO SORIANO (Villarreal): 4,5

DOMENICO CRISCITO (Zenit): 4,5




Commenta con Facebook