• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Calciomercato Napoli, Sarri non sa più vincere: Inter e Benfica partite-verità

Calciomercato Napoli, Sarri non sa più vincere: Inter e Benfica partite-verità

Gli azzurri arrancano e fanno fatica, il tecnico nell'occhio del ciclone: le prossime due potrebbero aprire scenari imprevedibili


Sarri ©Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

28/11/2016 22:27

CALCIOMERCATO NAPOLI SARRI ERRORI CRISI / NAPOLI - Due mesi da incubo. Napoli-Sassuolo 1-1: i partenopei non vincono più, almeno non le sfide decisive. E' un momento davvero complicato per gli azzurri e per Maurizio Sarri, che da quando si è infortunato Milik sta avendo non poche difficoltà nel tener saldo il timone. In realtà anche da qualche giorno prima, visto che contro l'Atalanta il polacco era in campo e non riuscì a far male, in una gara che col senno di poi rappresentava un vero e proprio campanello d'allarme. Ora le voci nel coro dei detrattori crescono e la situazione rischia di complicarsi ulteriormente. Vediamo nel dettaglio il difficile momento del Napoli dopo lo stop con il Sassuolo fra critiche e 'strane' voci di corridoio. 

DUE MESI 'NERO-AZZURRI' - Dal 2 ottobre al 2 dicembre, da un nerazzurro all'altro, il quadro azzurro è più nero che mai. Contro l'Inter saranno esattamente due mesi che Sarri ha ceduto all'Atalanta, dando il via alla straordinaria cavalcata della banda Gasperini ma soprattutto a una crisi che all'epoca sembrava impensabile, col Napoli 'sexy' che aveva asfaltato il Benfica solo tre giorni prima. Poi la sosta per le Nazionali e quel maledetto crack di Milik, che ha creato una situazione molto complicata. In un mese (ottobre) tre sconfitte sanguinose contro Juventus, Besiktas e Roma (le ultime due al San Paolo), in mezzo le vittorie con Empoli e Crotone che non potevano essere che un brodino. Poi novembre e pareggi che potevano, dovevano essere vittorie, specialmente con Lazio e Dynamo Kiev. Il cammino Champions che si complica maledettamente, e dopo il quasi-record di una qualificazione al terzo turno, adesso se si perde a Lisbona sarà eliminazione. Davvero incredibile. 

LE ATTENUANTI: MILIK E L'AMBIENTE PREVENUTO - Davvero incredibile anche l'improvviso cambio del vento nei confronti di Sarri. Un amore travolgente fino a qualche settimana fa, complice anche il credito accumulato nella scorsa stagione e nell'inizio spumeggiante di quella attuale, nonostante l'addio di Higuain che di certo non è colpa sua. Poi quel maledetto 8 ottobre, il ginocchio di Milik che cede, il pensiero che torna al calciomercato Napoli sciagurato che non aveva previsto un secondo centravanti. Gabbiadini non è una prima punta, l'ha dimostrato in tutte le occasioni che ha avuto, e Sarri non ha potuto che fare di necessità (poca) virtù. Il risultato è stato un attacco asfittico e la coperta cortissima, con una squadra 'a memoria' che ha perso i punti di riferimento ed è andata in crisi. Le amnesie di Reina, il lungo stop di Albiol, il calo di Jorginho e il crack di Milik: tutta la dorsale azzurra è venuta meno e il seguito era quasi inevitabile. Eppure parte del pubblico ci ha messo poco ad abbandonare un allenatore che stava strabiliando l'Italia e pure l'Europa. Le accuse di provincialismo a chi prova sempre ad imporre il proprio gioco sono francamente ingenerose, a prescindere da qualche uscita mediatica poco felice. Succede, quando hai a che fare con una delle tifoserie più umorali d'Italia.  

GLI ERRORI DI SARRI E QUELLE VOCI 'STRANE' - Certo, le attenuanti sono molte, ma c'è più di un motivo di insoddisfazione in una parte di tifoseria e di stampa locale, che prima sommessamente e ora a voce più alta sta iniziando a chiedere provvedimenti nei confronti dell'allenatore. Con De Laurentiis è gelo da tempo, come dimostrano diverse frecciate incrociate nelle ultime interviste. Con la piazza l'amore va e viene, complici uscite infelici davanti ai microfoni e qualche scelta tecnico-tattica opinabile. A Sarri viene imputata soprattutto la prudenza eccessiva nelle interviste (dopo "la Juve è di un altro pianeta" fu massacrato, idem dopo il pareggio di Kiev), cosa che - pare - non è gradita neanche alla società, che da un po' di tempo a questa parte (casualità?) ha ridotto al minimo le conferenze stampa del tecnico, annullando del tutto quelle pre-partita. Di Sarri non piace anche la gestione del turnover e di parte della rosa. Fra Maksimovic, Tonelli, Rog e Giaccherini sono molti i milioni depauperati finora, per non parlare di calciatori come Gabbiadini, Strinic e Sepe, annichiliti a più riprese dalle sue scelte. E ora, nonostante una classifica non proprio deficitaria, inizia a soffiare anche un vento molto, molto freddo nei corridoi di Castel Volturno: gira voce che se non si batte l'Inter e non si fa risultato a Lisbona la situazione potrebbe precipitare, con scenari che la notte del 28 settembre (Napoli-Benfica 4-2) sembravano davvero impensabili. 

 




Commenta con Facebook