• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > VIDEO - Argentina, basta Higuain: il confronto con Batistuta 'incastra' il 'Pipita'

VIDEO - Argentina, basta Higuain: il confronto con Batistuta 'incastra' il 'Pipita'

Batigol vince a mani basse: "Con lui avremmo conquistato un mondiale"


Gonzalo Higuain© Getty Images

19/10/2016 14:12

VIDEO ARGENTINA HIGUAIN BATISTUTA MESSI/ BUNEOS AIRES (Argentina) - In Argentina si stanno stufando di Gonzalo Higuain: il 'Pipita', bomber indiscusso del campionato italiano con la maglia del Napoli prima e quella della Juventus poi, non è incisivo in Nazionale quanto riesce ad esserlo con i club. Dopo l'ultima partita della 'Seleccion', quella persa in casa contro il Paraguay che complica il cammino albiceleste verso i Mondiali del 2018, tanti tifosi hanno chiesto metaforicamente la testa dell'attaccante juventino. Per motivare l'eventuale allontanamento di Higuain dalla Nazionale di Bauza, è stato confezionato un video ad hoc che presenta l'ex Real Madrid come il colpevole delle tre finali perse dall'Argentina negli ultime tre anni: quella del Mondiale 2014 con la Germania e le due di Coppa America con il Cile. "Si Batistuta fuera Higuain" è il titolo del video - cliccatissimo - che paragona i due numeri 9 in un duello che vede il 'Pipita' uscire con le ossa rotte. I tre clamorosi gol sbagliati da Higuain nelle tre finali, sono stati messi a confronto con tre azioni identiche di Batistuta, nelle quali però l'ex attaccante di Fiorentina e Roma era riuscito a segnare. "Con Batistuta avremmo vinto un mondiale e due Coppa America" ripetono tanti tifosi argentini su Twitter: la controprova, purtroppo, non c'è, ma di sicuro Higuain deve iniziare a segnare gol decisivi per ritrovare il consenso dei suoi connazionali. 




Commenta con Facebook