• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Montella: "Secondo posto? Mi pongo obiettivi a lungo termine. Lapadula..."

Milan, Montella: "Secondo posto? Mi pongo obiettivi a lungo termine. Lapadula..."

Il tecnico rossonero ha parlato di diversi singoli della sua rosa


Vincenzo Montella ©Getty Images

18/10/2016 22:04

SERIE A MILAN MONTELLA BACCA LAPADULA LOCATELLI / MILANO - Il Milan sembra aver finalmente trovato la quadratura del cerchio. La mano di Montella inizia a vedersi: con 5 vittorie, 1 pari e 2 sconfitte il 'Diavolo' occupa la seconda posizione assieme alla Roma. Un buon avvio di campionato che l''Aeroplanino' ha commentato ai microfoni di 'Milan Tv' dove ha parlato di tutte le principali news Milan. Queste i passaggi significativi raccolti daCalciomercato.it: "Tutte le esperienze insegnano qualcosa. A me è servita molto anche l'esperienza dell'anno scorso. Si cresce sempre ogni anno".

SECONDO POSTO - "Io mi pongo sempre obiettivi a lungo termine. L'importante è crescere e lavorare sulla crescita. La squadra sta migliorando e di questo sono contento".

CESSIONE CLUB - "Poteva essere un alibi, ma così non deve essere. Noi sentiamo vicino la società, è sempre presente. Galliani è un grande dirigente, mi sostiene totalmente, anche se su qualcosa non è d'accordo. Questo è molto importante per un allenatore".

BERLUSCONI - "Non l'ho sentito dopo la vittoria con il Chievo, ma sentiamo sempre la sua vicinanza".

TIFOSI - "Mi fa piacere la loro stima, l'ho sempre percepita. Mi sento in debito con loro per questo, li ringrazio. E' un grande stimolo per me".

BACCA - "E' ben inserito nella squadra. Ci sta garantendo tanti gol, mi è piaciuto anche per come è entrato in campo domenica. Ho apprezzato la sua partecipazione alla partita anche dalla panchina".

KUCKA - "Sta facendo ottime cose. Ha fatto una grande gol di sinistro".

LAPADULA - "Ha fatto un'ottima partita domenica. Gli manca il gol, ma appena lo farà si sbloccherà ancora di più a livello mentale. Deve stare tranquillo, ma arriverà presto ancora il suo momento e dimostrerà di saper segnare in Serie A".

DE SCIGLIO - "Mattia ha bisogno di fiducia e qui l'ha avuta dal primo giorno. Ha un grande spirito di appartenenza al Milan, è un ottimo giocatore per la nostra squadra".

BONAVENTURA REGISTA - "Non credo abbia le caratteristiche da play, sta facendo benissimo da mezzala e tra le linee. E può migliorare ancora tanto".

LOCATELLI - "Domenica ha fatto una buona partita. Arrivava da una settimana sotto i riflettori, è giovanissimo. Ha giocato semplice come gli avevo chiesto, è stato bravo a non commettere errori dopo l'ammonizione".

NIANG - "L'ho voluto conoscere prima di dare un giudizio questa estate. Le bravate di alcuni fanno più rumore di quelle di altri giocatori. Niang è giovanissimo e può migliorare in tutto. Sta lavorando per diventare un campione. Dal punto di vista tecnico, deve fare più gol. Ha un bel rapporto con Caccia. Ora dovrà farlo migliorare sul colpo di testa. E' fondamentale lavorare sulle lacune, chiunque può migliorare sempre, a qualunque età".

DONNARUMMA E ROMAGNOLI - "Hanno dimostrato di essere legati ai colori del Milan, le voci di mercato fanno parte del mestiere".

GRUPPO - "Il gruppo sta crescendo, questo ti porta qualche punto in più sicuramente. Hanno bisogno di qualche vittoria per crescere ancora di più, hanno sofferto molto nelle ultime stagioni".

SULLA SFIDA CON LA JUVENTUS - "Noi dobbiamo pensare a fare la nostra partita. A livello agonistico non dovremmo essere inferiori a loro, anzi dovremo essere superiori da questo punto di vista. Per preparare la partita inizieremo domani. Dobbiamo arrivare carichi alla partita di sabato. Siamo all'inizio, i margini di crescita ci sono senz'altro. Se ha tanti giovani, sei destinato a migliorare. La squadra migliora se migliorano i singoli".

ARRIVO A MILANO - "La cosa più complicata è entrare nella testa dei ragazzi e fargli capire che possono fare di più Serve tempo e un pizzico di fortuna. Far capire il proprio modo di lavorare non è facile".

D.G.

 




Commenta con Facebook