• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TV & cinema > Musica, da Michael Jackson a Prince: le star decedute che hanno guadagnato di più nel 2016

Musica, da Michael Jackson a Prince: le star decedute che hanno guadagnato di più nel 2016

Primo il Re del pop, secondo posto per Charles Schulz, creatore dei Peanuts, terzo il golfista Arnold Palmer


Michael Jackson (Getty Images)

17/10/2016 14:43

MUSICA LE STAR DECEDUTE CHE HANNO GUADAGNATO DI PIU’ / ROMA – Sono decedute ma continuano a guadagnare milioni di dollari. Sono le star della musica, dello spettacolo e dello sport che hanno guadagnato di più nel 2016 e che Forbes ha raccolto in una top ten. Al comando di questa particolare classifica c’è, per il quarto anno consecutivo, Michael Jackson: il Re del Pop è mancato 7 anni fa ma negli ultimi 12 mesi ha guadagnato ben 825 milioni di dollari. Tutto grazie ad un'operazione commerciale che ha permesso a Sony/ATV di acquistare per 750 milioni il cinquanta per cento del catalogo musicale che Jacko aveva acquistato nel 1985 a 47,5 milioni. Una cifra monstre vista la distanza col secondo classificato Charles Schulz, creatore dei Peanuts, con 48 milioni. Terzo gradino del podio per  Arnold Palmer, il golfista deceduto a 87 anni lo scorso 25 settembre, in grado di "macinare" ricavi per 40 milioni di dollari.

Altri quattro musicisti occupano posizioni di rilevo in classifica, Elvis Presley quarto con 27 milioni di dollari, Prince quinto con 25 milioni di dollari, sesto Bob Marley con 21 milioni di dollari e John Lennon, ottavo, con 12 milioni di dollari.

La top ten di Forbes:

1. Michael Jackson - 825 milioni di dollari
2. Charles Schulz - 48 milioni di dollari
3. Arnold Palmer - 40 milioni di dollari
4. Elvis Presley - 27 milioni di dollari
5. Prince - 25 milioni di dollari
6. Bob Marley - 21 milioni di dollari
7. Theador Geiel "Dr. Seuss" - 20 milioni di dollari
8. John Lennon - 12 milioni di dollari
9. Albert Einstein - 11.5 milioni di dollari
10. Bettie Page - 11 milioni di dollari

PRINCE – Come succede spesso dopo la morte di un grande artista anche per Price è cominciata una "battaglia" con le major discografiche mondiali. Secondo quanto riferito da Billboard, a circa sei mesi dalla scomparsa del genio di Minneapolis, le più grandi etichette internazionali (Sony, Universal e Warner Bros) sarebbero in trattativa per accaparrarsi la cassaforte privata che conterrebbe decine di ore di prezioso materiale musicale inedito valutato intorno ai 35 milioni di dollari. La faccenda è particolarmente spinosa: Prince è stato sotto contratto con Warner Bros fino alla metà degli Novanta ma aveva successivamente interrotto o modificato i termini di vari sodalizi con le etichette. Inoltre è noto il rapporto difficile tra l’artista e il mondo dello streaming cui non avrebbe voluto prendere parte, oggi per ascoltare la sua musica online, infatti, l’unica chance è abbonarsi a Tidal.

In attesa di novità sull’affare, intanto, la Warner Bros. starebbe lavorando alla pubblicazione di una versione deluxe di Purple Rain la cui uscita dovrebbe avvenire entro i primi mesi del 2017 mentre un Greatest Hits potrebbe arrivare entro la fine di quest'anno.

S.C.




Commenta con Facebook