• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > LA MOVIOLA DI CM.IT: Su Wallace non c'è fallo, negato un rigore all'Inter

LA MOVIOLA DI CM.IT: Su Wallace non c'è fallo, negato un rigore all'Inter

Orsato assegna la punizione che vale il momentaneo 0-2 al San Paolo. Di Bello si fa ingannare dalla caduta del giocatore biancoceleste


Edin Dzeko ©Getty Images
Emiliano Forte

17/10/2016 07:45

MOVIOLA, DZEKO WALLACE / MILANO – Il ritorno in campo della Serie A dopo la sosta non è stato certo dei più agevoli per i nostri fischietti, chiamati a prendere decisioni difficili e spesso criticate su diversi campi. L'episodio più controverso probabilmente è il rigore concesso da Marco Di Bello in Lazio-Bologna quando ormai il cronometro segnava il minuto 97. Da analizzare la caduta del biancoceleste Wallace in area che potrebbe aver ingannato l'arbitro. Nel big match Napoli-Roma gli azzurri hanno protestato per il contatto Koulibaly-Dzeko dal quale è nata la punizione-assist per la doppietta del centravanti giallorosso. Non mancano altri episodi da approfondire, come l'intervento scorretto di Dramé (già ammonito) su Borja Valero in Fiorentina-Atalanta ed il rigore concesso all'Inter per il contatto Bruno Alves-Icardi.

NAPOLI-ROMA 1-3, arbitro Orsato 6,5Direzione ineccepibile quella di Orsato sempre all'altezza del suo compito anche al cospetto degli episodi che hanno deciso la gara. Sulla prima rete di Dzeko è regolare l'azione di Salah che ruba il pallone a Koulibaly senza commettere fallo. Il raddoppio giallorosso nasce da una punizione contestata dal Napoli ma le immagini certificano la scorrettezza che lo stesso Koulibaly commette ai danni di Edin Dzeko. Regolare anche il gol del definitivo 3-1 con Salah che scatta da posizione regolare prima di battere Reina con un preciso rasoterra.

 

PESCARA-SAMPDORIA 1-1, arbitro Celi 6,5 – Nel corso del primo tempo Coda nel giro di 15 minuti guadagna due ammonizioni e lascia i suoi in 10 per tutta la ripresa; entrambi i falli sono netti ed i gialli mostrati da Celi sono ineccepibili. Nella ripresa Sala sbilancia Bahebeck in area e quest'ultimo finisce a terra: il direttore di gara assegna il penalty poi parato da Viviano. La scorrettezza non è evidente ma le immagini danno ragione a Celi.

 

JUVENTUS-UDINESE 2-1, arbitro Gavillucci 6Netto il calcio di rigore concesso ai padroni di casa nei primi minuti della ripresa per il fallo commesso da de Paul su Alex Sandro. Anche l'Udinese reclama un penalty per il contatto in area juventina tra Benatia e Perica ma in questo caso il difensore marocchino prende prima il pallone con Gavillucci che giustamente lascia correre.

 

FIORENTINA-ATALANTA 0-0, arbitro Damato 6 E' il minuto 64 quando i viola protestano per un contatto in area bergamasca tra Freuler e Tello. Intervento rischioso ma Damato fa bene a non concedere il rigore. Da rivedere il fallo a palla lontana di Dramé su Borja Valero con i giocatori di Sousa che chiedono il secondo giallo per l'atalantino già ammonito in precedenza. Decisione non semplice ma l'impressione è che il secondo cartellino poteva starci.

 

GENOA-EMPOLI 0-0, arbitro Pairetto 5Puntuale sulla doppia ammonizione che vale il rosso a Lazovic . Lascia a desiderare invece sulla gomitata di Bellusci a Simeone con il difensore dell'Empoli che probabilmente avrebbe meritato il rosso. Pairetto ancora troppo permissivo questa volta nei confronti di Saponara autore di un brutto intervento su Laxalt meritevole anch'esso del cartellino rosso.

 

SASSUOLO-CROTONE 2-1, arbitro Massa 6Contatto molto dubbio in area calabrese nel corso del minuto 35 quando Ferrari ostacola Pellegrini forse con una trattenuta. Per Massa è tutto regolare ma il dubbio rimane. E' 41esimo quando il Sassuolo chiede ancora l'intervento di Massa per un tocco col braccio di Claiton in area di rigore: giusta la decisione dell'arbitro di lasciar correre visto il difensore del Crotone tiene il braccio attaccato al corpo sulla conclusione di Acerbi.

 

INTER-CAGLIARI 1-2, arbitro Valeri 6Dopo 13 minuti poteva starci un rigore per l'Inter sul cross di Ansaldi intercettato da Murru con un fallo di mani. Poco dopo arriva il penalty per i nerazzurri in seguito ad un contatto in area tra Bruno Alves ed Icardi. Valeri inizialmente lascia correre poi su indicazione dell'addizionale Rizzoli assegna il tiro dal dischetto poi fallito dallo stesso Icardi. La scorrettezza del difensore portoghese non è evidente ma il tocco c'è e viene sanzionato dal direttore di gara. Regolare l'1-1 di Melchiorri visto che il pallone arriva all'attaccante del Cagliari dopo un rimpallo con protagonisti Murillo e Miranda.

 

LAZIO-BOLOGNA 1-1, arbitro Di Bello 5,5Da rivedere l'episodio in pieno recupero che porta al rigore in favore della Lazio poi realizzato da Immobile. Nell'azione si vede Wallace  fronteggiato da Oikonomou finire a terra in piena area. Di Bello avvalendosi del parere dell'addizionale Mazzoleni interrompe il gioco e sanziona l'intervento. Stando alle immagini il rigore non andava assegnato visto che il giocatore della Lazio cade senza il tocco dell'avversario.

 

CHIEVO-MILAN 1-3, arbitro Rocchi 6Proteste rossonere nel corso del minuto 35 del primo tempo quando Dainelli afferra Lampadula in area rischiando grosso. Fallo non solare sul quale Rocchi preferisce non interviene. Nella ripresa è il 75esimo quando il fischietto di Firenze è decisamente più fiscale sulla trattenuta di Paletta ai danni di Floro Flores dalla quale nasce la punizione messa a segno da Birsa. Il fallo c'è anche se il giallo è una sanzione troppo severa per Paletta.  




Commenta con Facebook