• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-UDINESE

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-UDINESE

Jankto beffa Buffon e spaventa la Juve. A ribaltare il risultato ci pensa uno straordinario Dybala


Juventus © Getty Images
Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

15/10/2016 22:43

ECCO LE PAGELLE DI JUVENTUS-UDINESE:

 

JUVENTUS

Buffon 5 – Continua il suo momento no con la papera che favorisce il gol di Jankto, grazie ad un tiro da fuori area ampiamente alla sua portata: la sfera gli passa fra le braccia e si infila in rete. Si riscatta in parte sul colpo di testa di Felipe all’82’ che devia in corner.

Lichtsteiner 6 – Esterno della rete al 33’ quando di piatto, calcia sul palo del portiere. Non sfonda spesso ma quando può riesce a mettere in mezzo qualche buon pallone. Ed uno quasi non si trasforma in assist vincente per Alex Sandro.

Barzagli 7 – La solita roccia che deprime gli avversari nell’uno contro uno. Insuperabile, dimostra di avere dalla sua il solito senso della posizione unito all’accortezza tattica e la predisposizione all’anticipo.

Benatia 6,5 – Sempre sicuro negli interventi, non teme la velocità degli inserimenti friulani nel primo tempo. Nonostante il pessimo schermo fornito da Hernanes. Dal 70’ Bonucci 6 – La standing ovation dello Stadium è naturalmente dovuta al momento difficile vissuto a causa dei problemi di salute del figlio Matteo.

Evra 6,5 – Solita gara di copertura senza strafare. Del resto nel 4-4-2 disegnato da Allegri, Alex Sandro basta e avanza per garantire sortite offensive a sufficienza. E’ ottimo però l’intervento su un pallone di Thereau che altrimenti sarebbe finito sui piedi di Zapata a tu per tu con Buffon.

Cuadrado 6 – Parte molto bene puntando con successo Samir e rendendosi spina nel fianco destro della retroguardia friulana. Si spegne nel proseguo del match.

Hernanes 5 – Prima manca la palla sul rischioso tocco di Alex Sandro, poi scivola e lascia libertà di calciare a Jankto che di fatto porta in vantaggio l’Udinese. In generale non fornisce una protezione adeguata alla difesa, ma in quella posizione dovrebbe farlo. A completare il quadro anche la cabina di regia, non proprio eccelsa.

Lemina 6,5 – Tanta corsa per lui, anche perché in fase di non possesso deve chiudere gli spazi anche per il compagno di reparto Hernanes che invece fatica molto. Bravo anche a ripartire velocemente in contropiede.

Alex Sandro 6,5 – Buona prova del brasiliano sull’out di sinistra. Sfiora quasi il gol nel secondo tempo su cross di Lichtsteiner.

Dybala 7,5 – Ci pensa lui a raddrizzare la gara con una pennellata su calcio di punizione che non lascia scampo a Karnezis.  Ad inizio secondo tempo realizza dal dischetto il gol del sorpasso ma, al di là delle reti fatte, rappresenta il genio bianconero in grado di creare i veri pericoli. Specie con i numerosi big seduti in panchina. Dall’82’ Sturaro s.v.

Mandzukic 4,5 – Cosa si divora al 25’, quando davanti alla porta praticamente sguarnita manda alto d’esterno facendo mugugnare lo Stadium. Oltre a risultare ancora a secco, il croato non ci mette nemmeno la cattiveria che di solito contraddistingue le sue prestazioni di sacrificio. Dal 66’ Higuain 6 – Appena entrato mette subito in apprensione la difesa dell’Udinese con una sterzata che costringe Adnan ad immolarsi per salvare in corner.

All. Allegri 6 – La sua Juve fatica durante la prima parte di gara perché soffre la vivacità dell’Udinese. E’ pur vero che alla formazione titolare mancavano cinque giocatori titolari, ma le scelte – obbligate e non – sono le sue. La punizione di Dybala riporta il sorriso ma la Juventus talvolta appare vulnerabile sulle incursioni di Thereau e soprattutto un po’ distante dal fornire ottime prestazioni. E ci sarà da recuperare anche Mandzukic.

 

UDINESE

Karnezis 6 – Sui due calci da fermo di Dybala non può nulla.

Wague 5,5 – Niente da fare per quanto concerne gli affondi sulla fascia. Rimane rintanato sulle sue soffrendo Alex Sandro.

Danilo 5,5 – Meglio del compagno di reparto Felipe, anche se quando Dybala e Higuain portano palla va in difficoltà.

Felipe 5 – I danni li compie tutti nel primo tempo. Prima uno svarione su cross di Dybala per Mandzukic che mette in difficoltà Karnezis, poi causa il calcio di punizione che costa il pareggio bianconero.

Samir 5,5 – Tutto sommato Cuadrado lo salta in velocità soltanto una volta. Ma lui non spinge, e Delneri gli preferisce le caratteristiche più intraprendenti di Adnan. Dal 45’ Adnan 5,5 – Entra in campo per offendere di più rispetto a Samir ma finisce col difendere e basta.

Fofana 6 – Bene nel primo tempo, dove corre tantissimo proponendosi anche come primo portatore di palla. Complice la stanchezza, nel secondo tempo cala d’intensità. Tuttavia non sfigura.

Kums 6 – Si amalgama bene nella prima frazione a Fofana e Jankto, andando a comporre un trittico tutto corsa e ripartenze. Si spinge anche fra le linee bianconere quando ne ha l’occasione.

Jankto 6,5 – Segna su evidente papera di Buffon, ma gli va dato merito di non avere avuto alcuna titubanza nello sfidare da fuori area l’ex campione del mondo. Dal 75’ Hertaux s.v.

de Paul 5 – Macchia una prestazione tutto sommato anche al di sopra della sufficienza sgambettando ingenuamente Alex Sandro in area, e causando quindi il rigore con cui la Juve passa in vantaggio. Dal 55’ Perica 5,5 – Entra in campo con molta grinta e difatti viene ammonito per un fallo irruento subito dopo aver protestato per una caduta in area bianconera.

Thereau 6 – Positivo e intraprendente palla al piede. Dialoga bene nel primo tempo con de Paul e cerca spesso Zapata. Nel secondo tempo Buffon gli dice di no su una conclusione ravvicinata ma non troppo pericolosa.

Zapata 5 – Fuori dal gioco il colombiano, viene fatto fuori dalla morsa attuata da Barzagli e Benatia. Avrebbe dovuto farsi sentire di più per consentire a Thereau e de Paul maggiori incursioni a sostegno.

All. Delneri 6 – Non male la sua prima Udinese per intensità ed abnegazione, contro la squadra più forte del campionato. Peccato che il classico gioco alla Delneri sulle fasce ancora non si veda: forse qualche cross in più per sfruttare le doti aeree di Zapata e Thereau avrebbe fatto comodo.

 

Arbitro: Gavillucci 6 - Manca il giallo a Lemina per trattenuta ai danni di Thereau all’8. Sacrosanto il rigore concesso alla Juventus per l’ingenuo fallo di de Paul su Alex Sandro. Proteste sul contatto Benatia-Perica, ma il rigore per i friulani non c’è.

 

TABELLINO

Juventus-Udinese 2-1

Juventus (4-4-2): Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Benatia (dal 70’ Bonucci), Evra; Cuadrado, Hernanes, Lemina, Alex Sandro; Dybala (dall’82’ Sturaro), Mandzukic (dal 66’ Higuain). A disp.: Khedira, Pjanic, Neto, Mattiello, Marchisio, Audero, Kean. All. Allegri.

Udinese (4-3-1-2): Karnezis; Wague, Danilo, Felipe, Samir (dal 45’ Adnan); Fofana, Kums, Jankto (dal 75’ Hertaux); de Paul (dal 55’ Perica); Thereau, Zapata. A disp.: Armero, Scuffet, Matos, Penaranda, Angella, Perisan, Balic, Evangelista. All. Delneri.

Marcatori: 30’ Jankto (U), 43’ Dybala (J), 51’ Dybala (J)

Arbitro: Claudio Gavillucci (Sez. di Latina)

Ammoniti: 45’ Wague (U), 59’ Perica (U), 65’ Hernanes (J)

Espulsi: 




Commenta con Facebook