• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli-Roma, De Magistris: "Match importantissimo, lo Scudetto non è già della Juve"

Napoli-Roma, De Magistris: "Match importantissimo, lo Scudetto non è già della Juve"

Il Sindaco della città partenopea avverte le due squadre: "Bisogna crederci"


Salah-Callejon © Getty Images

14/10/2016 10:20

NAPOLI-ROMA INTERVISTA A GIANNI DE MAGISTRIS A TELERADIOSTEREO / ROMA - Alla vigilia di Napoli-Roma, il Sindaco della città partenopea Gianni De Magistris è intervenuto ai microfoni di 'TeleRadioStereo'.

LE TIFOSERIE - "Roma e Napoli hanno tutto delle grandi città, sono considerate due capitali. E' un peccato che quando si confrontano in campo si debba registrare qualcosa di diverso da come si viveva in passato questa partita. I sindaci, noi, dobbiamo fare un passo avanti. In campo si va per vincere ma poi si deve essere campioni d'Italia anche fuori, dimostrando quella superiorità anche non reagendo male a quelle che possono essere provocazioni".

LA PARTITA - "Domani è match importantissimo, il Napoli deve dimostrare che la sconfitta di Bergamo è stata un'incidente di percorso. L'assenza di Milik può pesare ma il Napoli soprattutto deve evitare cali di tensione. La partita di domani pomeriggio è un test anche per questo".

LO SCUDETTO - "A me questa storia che a settembre si deve già dare per scontato chi vincerà il campionato dà fastidio. Lo scudetto non è già della Juventus. Bisogna crederci, faccio un esempio: chi pensava che io potessi diventare sindaco di Napoli? Napoli e Roma possono lottare per lo scudetto, devono credere di poterlo fare. Per arrendersi c'è sempre tempo".

S.D.

Il rapporto sopratutto fra le curve e il presidente De Laurentiis non è idilliaco, lo si capisce anche durante la partita. Il rapporto è conflittuale soprattutto con la tifoseria più passionale, quella delle curve. Ma l'umore cambia anche in base ai risultati. Conosco bene Napoli città, giro molto a piedi, percepisco che il rapporto non sia idilliaco fra il presidente del Napoli e quella porzione di Napoli popolare, che va sempre tenuta in considerazione perché è la fetta più grande




Commenta con Facebook