• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Pjanic sull'addio: "Ho creduto alle promesse ma non abbiamo vinto niente. Totti mi ha capito"

Roma, Pjanic sull'addio: "Ho creduto alle promesse ma non abbiamo vinto niente. Totti mi ha capito"

Il centrocampista bosniaco ha parlato dei motivi che l'hanno spinto a trasferirsi alla Juventus


Miralem Pjanic © Getty Images

14/10/2016 08:51

ROMA PJANIC ADDIO JUVENTUS / ROMA - Arrivato a 26 anni Miralem Pjanic ha voglia di alzare qualche trofeo. "Ogni mio trasferimento è stato un salto di qualità, anche se la mia bacheca è ancora vuota: a Lione avevano vinto sette campionati di fila, ma con me solo secondi posti. Se succedesse anche alla Juve direbbero che porto male…", ha scherzato il centrocampista bosniaco nell'intervista concessa a 'La Repubblica' dove è ritornato anche sul suo addio alla Roma, che si è consumato nell'ultimo calciomercato estivo e che ha scosso - non poco - la piazza capitolina diventando per settimane la principale news Roma: "Era il momento di andare - ha spiegato - Ho sempre creduto alle promesse del club, rinnovando il contratto. Continuavano a ripetermi che avrebbero costruito una squadra da scudetto, ma purtroppo in cinque anni non abbiamo vinto niente. Ne ho 26, la carriera non dura in eterno, non potevo più aspettare".

TOTTI - Una scelta che i tifosi giallorossi non hanno digerito, tanto che per loro Pjanic è diventato un 'traditore': “Una persona seria rifletterebbe e capirebbe la mia scelta - ha puntualizzato il bosniaco - La Juve mi voleva da anni. Ne ho parlato anche con Spalletti, con De Rossi. E con Totti. Il capitano mi ha detto che gli dispiaceva ma mi capiva. Avrebbe preferito che rimanessi in giallorosso ma sapeva che dovevo fare la mia strada. Amerò sempre Roma e la Roma: lì ho condiviso tutto, gioie e dolori. Ma era giusto andarsene. Solo una maglia non potrei mai mettere: quella della Lazio, perché ho giocato nella squadra buona di Roma. La Juve vale l'Inter, il Milan, il Napoli”. 

JUVENTUS - Un affare da oltre 30 milioni di euro il suo: "Ci ho pensato molto prima di dire sì? Il tempo di capire quanto mi volessero. Ero quello che a loro serviva. Era andata allo stesso modo anche con la Roma: Sabatini e Luis Enrique mi convinsero dimostrandomi quanto tenessero a me. È vero che in Europa il livello è più alto, ma a quel livello la Juve c’è. Ha storia, esperienza, giocatori. Io credo in questa squadra e questa squadra crede in quello che può raggiungere". 

DIFFERENZE - In ultima battuta Pjanic ha poi fatto un raffronto tra le due societa: "Da fuori la Juve sembrava molto tosta, sapevi che era quasi impossibile che perdesse. Qui ho capito perché: costi quel che costi, si vuole vincere, e nient'altro. A Roma invece c'erano più tentazioni. Ma conosco le dinamiche romane e non essendo né scemo né pazzo ho sempre anteposto il mio lavoro a tutto. Poi non c'è niente di male a divertirsi una volta ogni tanto o a uscire a cena, no?".

D.G.




Commenta con Facebook