• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Udinese > Juventus-Udinese, Di Natale: "Dybala ricorda Messi. Aspettavo una telefonata..."

Juventus-Udinese, Di Natale: "Dybala ricorda Messi. Aspettavo una telefonata..."

Ecco le parole dell'ex capitano bianconero in vista di un match molto particolare


Antonio Di Natale ©Getty Images

12/10/2016 08:42

UDINESE DI NATALE JUVENTUS DYBALA / EMPOLI - La Juventus si prepara alla sfida contro l'Udinese, che sarà la prima del dopo Di Natale. Stavolta la gara 'Totò' la guarderà da casa, a Empoli, dov'è tornato a vivere dopo l'addio al calcio. All'attivo 209 gol in serie A e, intervistato da 'Tuttosport', ecco le sue opinioni sul match: "Delneri non mi ha chiamato (ride ndr). Mi conosce e sa che se prendo una decisione non sono tipo da tornare indietro dopo qualche mese. Con la testa e il cuore ho detto basta col calcio. Non esistono 'Highlander'. Gigi è bravo e non ha bisogno di me. Spero risollevi l'Udinese in fretta".

MAGLIA 10 - "Non ritirare la maglia è stata una scelta giusta della società. Mi sarei aspettato però una telefonata, solo per avvertirmi della decisione. Da quando ho smesso ho parlato col club soltanto una volta. Avevamo chiacchierato di tante cose ma non se n'è fatto più nulla. Mi sarebbe piaciuto affiancare il direttore o lavorare con i giovani".

MALDINI - "Paolo ha ragione. Quando hai fatto la storia di un club non puoi accettare di far semplicemente il pagliaccio. Ho l'Udinese nel cuore e terrò sempre una porta aperta".

JUVENTUS - "Affrontare la Juve è sempre difficile. Abbiamo fatto però ottime gare a Torino. Speriamo vada così anche stavolta. Rifiuto alla Juve? Non sono pentito. La mia fu una scelta di vita, fatta col cuore. Volevo restare a Udine con la mia famiglia. In molti mi hanno dato dello stupido ma farei lo stesso, tornassi indietro. Alla Juve poi non avrei mai segnato 209 reti e, quando mi vedo in quella classifica con Totti e Baggio, so che qualcosa di buono l'ho fatto".

DYBALA - "E' una Juventus piena di campioni, da Pjanic a Higuain e Dybala. Ho affrontato il primo Messi e Dybala me lo ricorda con alcune giocate. E' fenomenale. Se penso che l'Udinese poteva portarlo in Italia prima del Palermo. Sai che divertimento combinare palla a terra con lui, come con Sanchez. Eravamo uno squadrone, anche con Benatia. Dissi a Pozzo che avremmo lottato per lo scudetto, senza vendere nessuno e con due acquisti. Non aver vinto nulla è l'unico rimpianto".

CLASSIFICA MARCATORI - "Higuain se la giocherà con Icardi, Borriello e Dzeko. Milik? A De Laurentiis dico di fidarsi di Gabbiadini. Manolo esploderà".

L.I.




Commenta con Facebook