• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Macedonia-Italia, Ventura: "Gara determinante. Pellè? Gesto inaccettabile"

Macedonia-Italia, Ventura: "Gara determinante. Pellè? Gesto inaccettabile"

Il tecnico ha parlato in conferenza stampa in vista del match di domani sera


Ventura © Getty Images

08/10/2016 20:09

MACEDONIA ITALIA VENTURA / ROMA - Gian Piero Ventura pronto alla trasferta dell'Italia contro la Macedonia. Reduce dal pareggio contro la Spagna, domani la Nazionale dovrà vincere per mantenere viva la possibilità di qualificarsi al Mondiale 2018. Ventura ha parlato in conferenza stampa: "Domani sarà una partita difficile, importante e determinante. Un match molto delicato per noi".

PELLE' - "Credo che sia stata una mancanza di rispetto non solo nei miei confronti, ma anche nei confronti sia del compagno che entrava, della squadra e della maglia azzurra. E' un gesto che ha colpito l'immagine di questo gruppo, che ha lavorato con sacrificio e impegno dopo aver giocato un buon Europeo. Tutto questo non era accettabile. Non c'è niente di personale naturalmente. Così come credo che anche lui non avesse nulla nei miei confronti perché ci conosciamo da poco tempo. E' un problema di quello che siamo e quello che vogliamo essere".

LA GARA - "Sarà una partita diffiicile da giocare perché sarà in trasferta. Dobbiamo interpretarla bene: è vero che la Macedonia ha perso due partite, ma è stata anche sfortunata. Sarà una gara importante e determinante. Un match estremamente delicato".

SACCHI - "Tornando indietro avrei cambiato diverse cose contro la Spagna. Vedendo il possesso palla e il loro dominio nel primo tempo c'è un fondo di verità in quello che dice Sacchi. E' anche vero che Buffon ha ricevuto solo un paio di tiri. Poi non sono stati visti due cartellini rossi e sull'1-1 se c'era una squadra che poteva vincere era l'Italia. La partita va vista nel suo complesso".

VERRATTI - "E' un giovane importante, un capitale della nazionale azzurra. Dovrebbe giocare lui domani, se non succedono cose strane stanotte. Con la Spagna non poteva giocare e comunque sono soddisfatto della prestazione di De Rossi".

I GIOVANI - "E' la logica conseguenza di un filo di programmazione. Diciamo sempre che bisogna lanciare i giovani, poi appena li mettiamo in campo si dice che è un rischio enorme. Ad ogni modo ci sono un'infinità di giovani molto interessanti che verranno utili alla Nazionale. Alcuni sono già stati convocati, altri verranno convocati. Ora la priorità è il risultato, ma c'è la consapevolezza di voler fare qualcosa di importante".

TURNOVER - "Nel calcio mai dire mai. Qualcosa cambieremo. Il grande dispendio di energie mentali contro la Spagna credo che possa pesare e penso che servano forze fresche, quindi qualcosa sarà diverso".

ATTACCO MACEDONE - "Non svelo di certo come giocheremo, se a uomo o a zona. Gli attaccanti della Macedonia sono giocatori importanti e vanno limitati sia in maniera individuale, sia con tutta la squadra".

 

M.D.A.




Commenta con Facebook