• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Nizza, Balotelli: "Milan in confusione. Klopp? Non lo conosco"

Nizza, Balotelli: "Milan in confusione. Klopp? Non lo conosco"

L'attaccante si è soffermato anche sulla Nazionale e sul Mondiale 2014


Mario Balotelli ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

03/10/2016 19:10

BALOTELLI NIZZA ITALIA FERRARI / MARANELLO - Presente presso la sede 'Ferrari' insieme a Mino Raiola, Mario Balotelli ha rilasciato una lunga intervista a 'Sky Sport'. Calciomercato.it vi offre un sunto delle sue parole: "Negli ultimi due anni, Liverpool e Milan non erano ambienti ideali per me. Non ho fatto errori a livello tecnico, comportamentale, professionale: non ci sono stati errori a parte gli infortuni che non posso certo controllare. Il problema del Milan era l'organizzazione: c'è Galliani che è fenomenale, tutto il resto è in confusione. Ora va via? Pensa te che confusione che c'è al Milan. Le squadre dove sono stato meglio? Nizza e Manchester City, poi basta. Amo il Milan, però sono rimasto troppo dispiaciuto per quello che è successo quando sono tornato".

KLOPP - "Klopp non mi conosce e io non lo conosco: sono stato un mese e mezzo a Liverpool e gli ho parlato una sola volta. Mi ha spiegato che potevo restare lì ma non ero la sua prima scelta e mi ha detto che era meglio se andavo da qualche altra parte: "Giochi, fai bene e torni", io ho detto arrivederci e grazie".

NIZZA - "All'inizio volevo scegliere Nizza per il clima e la posizione: è una città fantastica, sul mare e volevo un posto tranquillo ma bello dove non puoi svegliarti con il piede sbagliato perché basta guardare fuori. Può sembrare banale, ma per me è importante, è stato un motivo in più. Siamo un gruppo di giovani, facciamo un calcio molto bello. Futuro? Non torno in Italia, no".

NAZIONALE - "E' da un po' che manco in Nazionale, ma era giusto non convocarmi perché non lo meritavo. Giusto anche non convocarmi ora: meglio la prossima volta perché voglio tornare al top. Ventura non mi ha ancora chiamato, ho parlato solo con Oriali. Al Torino ha fatto bene, è un bravo allenatore. Le prossime partite? Fossi il Ct, mi convocherei... Le polemiche del Mondiale in Brasile? Non ho mai litigato con nessuno in Nazionale e mai nessuno ha cercato di litigare con me. Qualcuno ha inventato i problemi, da parte mia almeno non c'è stato niente. Ho letto tutto dai giornali, io non ho fatto nulla. Il rapporto con Prandelli? Sono arrabbiato solo per la sostituzione contro l'Uruguay, nel secondo tempo potevo fare bene. Dentro di me c'è la volontà di vincere il Mondiale: è uno sempre uno dei miei obiettivi - ha concluso Balotelli - Ma prima di tutto devo tornare a giocare in Nazionale".




Commenta con Facebook