• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, dal rullo Juve al cantiere Inter: a che punto sono le 'cinque sorelle'?

Serie A, dal rullo Juve al cantiere Inter: a che punto sono le 'cinque sorelle'?

L'analisi tra risultati e mercato delle squadre che punteranno alla Champions League


Festa Juventus ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

03/10/2016 15:41

SERIE A JUVENTUS INTER CINQUE SORELLE / ROMA - Arriva la sosta, spazio alle nazionali, tempo di bilanci per le news serie A. Sette giornate in archivio, primi segnali e indicazioni importanti su quello che potrà essere l'andamento del campionato. La Juventus è già in fuga in vetta alla classifica di Serie A, il Napoli perde terreno, Milan e Roma tengono il passo da Champions League, l'Inter no. Ma la stagione è ancora lunghissima, ed in mezzo ci aspetta una sessione di calciomercato che si preannuncia scoppiettante e potrebbe cambiare gli equilibri.

DALLA JUVENTUS AL MILAN: CHI SALE

L'avvio stentato della scorsa stagione è un lontano ricordo. La Juventus domina ed è già in vetta con quattro punti di vantaggio sulla prima inseguitrice. Il pareggio col Siviglia in Champions e la sconfitta in casa dell'Inter si sono dimostrati solo due incidenti di percorso. Ora la macchina di Allegri è ripartita a grande velocità, trascinata anche da un Gonzalo Higuain che si è dimostrato il perfetto finalizzatore e addirittura più forte di quello dei 36 gol in campionato col Napoli. Ma la 'buona notizia' per i bianconeri è che qualcosa ancora manca. A centrocampo in particolare, dove si attende il rientro di Claudio Marchisio e si programma un colpo importante per il mercato di gennaio. Niente Marcelo Brozovic, assicura il Dg Beppe Marotta che, invece, ha annunciato un nuovo tentativo per Axel Witsel. Poi la ciliegina, il giovane Bentancur, per il quale con ogni probabilità verrà esercitata l'opzione per acquistarlo dal Boca Juniors e poi averlo a Torino la prossima estate.

Sale anche il Napoli, che nonostante l'addio di Gonzalo Higuain, sembra a tratti pure più forte dell'anno scorso. Il ko di ieri a Bergamo, il primo stagionale, fa storcere il naso e scappare la Juventus, ma ora il tecnico Sarri ha una rosa più profonda, con alternative importanti e giovani, e soprattutto un bomber come Arkadiusz Milik che, chiamato a raccogliere la pesante eredità del 'Pipita', ha dimostrato di avere le spalle larghissime e qualità che si sposano alla perfezione con il gioco azzurro e gli altri elementi in squadra. Ora si attendono novità sul fronte rinnovi, da Mertens a Hysaj passando per Ghoulam e Gabbiadini. Poi si penserà alla difesa, dove oltre a Rodrigo Caio si valuta pure un terzino, con Darmian, Fabinho e Karsdorp nomi cerchiati in rosso nella lista degli obiettivi.

Il Milan, nonostante le nubi societarie, in campo sta dimostrando di avere le idee chiarissime. Partenza così e così, con i primi malumori dopo i ko del 'San Paolo' col Napoli ed in casa contro l'Udinese. Da lì un pareggio sul difficile campo della Fiorentina e tre vittorie, di cui l'ultima ieri con la spettacolare rimonta sulla 'bestia nera' Sassuolo che regala a Vincenzo Montella anche un nuovo 'acquisto' come il giovanissimo Locatelli, alla prima rete in A e autore di una grande prova proprio in una posizione del campo in cui il tecnico rossonero ne aveva gran bisogno. Ora il Milan è lì, a 13 punti, e quella che (si spera) dovrà diventare la nuova proprietà cinese sembra intenzionata ad investire in maniera importante già a gennaio per puntare all'Europa. Serviranno un difensore centrale, magari Rodrigo Caio che ha cambiato procuratore e si avvicina ulteriormente alla Serie A, ed un rinforzo in avanti (occhio alle occasioni Balde Keita e Simone Zaza). E servirà trattenere Carlos Bacca, sul quale è tornato forte il Psg.

ROMA E INTER: LAVORI ANCORA IN CORSO

La Roma. Dopo il ko di Torino e le voci sul rapporto incrinato tra il tecnico Luciano Spalletti e la società, il presidente Pallotta in primis, arriva la grande vittoria contro l'Inter. Terzo posto (in gran compagnia) agganciato, appena un punto dietro al Napoli secondo. L'eliminazione ai playoff di Champions League però pesa ancora, e tanto, come gli infortuni in difesa che non garantiscono all'allenatore i giusti ricambi in un reparto che anche ieri sera, contro i nerazzurri, ha lanciato spesso segnali davvero preoccupanti. La prima necessità durante il prossimo mercato sarà inserire un altro nome nella casella dei terzini destri, e Timothy Chandler è l'occasione che la Roma sta monitorando. Poi attenzione a quello che succederà in uscita, in particolare con Gerson. Nel frattempo, però, la priorità è rappresentata dai rinnovi, con Manolas, Nainggolan e Strootman da blindare.

Chiudiamo con l'Inter, un cantiere ancora apertissimo. D'altronde, anche lo stesso tecnico de Boer, arrivato dall'Olanda a sole due settimane dall'inizio del campionato, aveva chiesto almeno un paio di mesi. La sua mano, la sua idea di gioco inizia a vedersi, con una squadra più proiettata all'attacco ed al controllo della partita, ma allo stesso tempo sono mancati gli equilibri difensivi ed i risultati. Due ko in due giornate di Europa League, contro avversarie decisamente non irresistibili come Hapoel Be'er Sheva e Sparta Praga, nel mezzo la vittoria convincente con la Juventus prima della classe, ma anche i pareggi deludenti in casa contro Bologna e Palermo. Occasioni perse, punti che alla fine di un campionato che si preannuncia molto equilibrato peseranno tantissimo nella lotta per il terzo posto, obiettivo dichiarato più e più volte. Dopo i grandi investimenti estivi, la proprietà cinese è pronta a metter mano al portafogli anche in inverno. Serve innanzitutto un terzino, con de Boer poco convinto dei vari Nagatomo, Santon e D'Ambrosio. E gli osservati speciali sono tanti, da Darmian e Criscito a Semedo. Poi un centrale di ricambio, visto che Ranocchia non fornisce garanzie. Il resto dipenderà da cosa succederà in uscita, con diversi nomi che potrebbero partire: almeno uno dei laterali già citati, poi Felipe Melo, Biabiany, Jovetic e... Brozovic?




Commenta con Facebook