• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma-Astra, Spalletti: "Iturbe troppo sensibile. Festa? La regola dice altro"

Roma-Astra, Spalletti: "Iturbe troppo sensibile. Festa? La regola dice altro"

Ecco le parole del tecnico giallorosso dopo la gara vinta


Luciano Spalletti © Getty Images

29/09/2016 23:18

EUROPA LEAGUE ROMA ASTRA SPALLETTI / ROMA - La Roma batte per 4-0 l'Astra in Europa League, avvicinandosi al meglio alla sfida contro l'Inter in campionato. Ecco le parole di Luciano Spalletti a 'Sky Sport': "Abbiamo fatto una gara di livello. - ha dichiarato a 'Sky Sport' - Abbiamo avuto attenzione e continuità. La squadra ha fatto bene complessivamente, restando corta e aggressiva. Stasera non posso dire nulla".

JUAN JESUS - "Ha ritrovato le sue qualità, per dare una mano soprattutto sulle palle inattive".

ITURBE - "Il pubblico ha capito che il ragazzo ha bisogno di fiducia. E' forse troppo sensibile ma se sulla palla di Totti avesse fatto gol, il suo secondo tempo e forse l'intera gara sarebbero stati grandissimi. Sembra forse abbia timore nel prendere iniziativa. Quando lo fa però è devastante".

GERSON - "Come trequartista in italia può avere delle difficoltà, dato che gli piace la palla sui piedi. Non è come Nainggolan o Perrotta. Se va a sostare sulla trequarti avversaria, non essendo rapidissimo di gamba, in serie A potrebbe trovarsi in difficoltà. Il suo ruolo è quello di mezzala. Non ho inoltre tantissimo spazio da concedergli, così da fargli trovare ritmo. Bisognerà aspettare".

TOTTI - "Ho chiesto a Lobont di chiedere informazioni e mi ha riferito che l'Astra si basava sul fatto che stessimo festeggiando il compleanno di Totti. Dopo i festeggiamenti non era facile ma li ho visti bene. La regola avrebbe voluto che i festeggiamenti avvenissero in un altro giorno ma va bene così (ride ndr)".

L.I.




Commenta con Facebook